Martedì, 27 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Sport

Home Video Sport Allegri: "Rimonta? Merito dei ragazzi"

Allegri: "Rimonta? Merito dei ragazzi"

GENOVA. "La Samp ha fatto una bella partita. Noi dopo il secondo gol non abbiamo avuto tempo di rilassarci perché dopo 30 secondi abbiamo subito il gol di Cassano. Nel finale abbiamo rischiato di prendere il 2-2 ma anche di segnare il 3-1, forse bisognava gestire meglio la palla".

Lo ha detto il tecnico della Juventus Massimiliano Allegri al termine della partita vinta a Marassi sulla Sampdoria. Questa è una Juventus che "dopo le prime 10 partite aveva solo 12 punti e che dopo 9 vittorie è rientrata nelle prime tre posizioni del campionato. Non pensavo che già al 10 di gennaio fossimo in questa posizione. I ragazzi sono stati molto bravi e il merito è loro".

E già i bianconeri pensano allo scudetto: "Il Napoli ha girato a 41 che è una media scudetto se escludiamo gli ultimi anni come lo scorso anno quando noi abbiamo girato a 46. Però di solito la media scudetto balla tra 82 e 84 punti. La proiezione potenziale del Napoli è proprio 82". Ma la Juventus "ha ancora ampi margini di miglioramento nei singoli e di conseguenza nella squadra". Deluso dal risultato Montella: "nel primo tempo abbiamo fatto 15' un po' scolastici, non avevamo quel furore che abbiamo poi avuto nel finale. Sembravamo quasi una squadra passiva e timorosa. Il primo gol subito ha cominciato a spezzare questo equilibrio, e piano piano siamo riusciti a mettere in campo le nostre caratteristiche". Dopo il secondo gol la Samp ha avuto "la forza di giocarsela e per quanto fatto avrebbe meritato il pareggio. Oggi ho visto tante cose positive che vanno alimentate".

Prima dell'espulsione di Moisander si è verificato un probabile fallo su Ivan al limte dell'area al 93' che avrebbe significato una punizione da buona posizione: "Non commento mai gli arbitri - ha detto Montella - sono dell'idea che possono sbagliare. Ci sono episodi che puoi accettare come il mancato rigore su Ivan ma altri che fatico a accettare come la punizione non concessa al 93' dal limite". E Cassano? "Le qualità di Antonio si conoscono, ha un'applicazione totale che in passato non aveva. Quando lo hai in queste condizioni fai di tutto per sfruttarlo al meglio".

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X