Domenica, 01 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Società

Home Video Società Bere tanta acqua e uova al mattino, in un video la "chimica" della sbornia e i rimedi

Bere tanta acqua e uova al mattino, in un video la "chimica" della sbornia e i rimedi

La Società Americana di Chimica illustra le basi scientifiche degli effetti prodotti sull'organismo di chi esagera con spumante, vino, birra e cocktail, proponendo anche possibili contromisure

Dopo la notte di San Silvestro e degli eccessi non poteva mancare una 'guida ragionata alla sbornia': la propone la Società Americana di Chimica, che in un video illustra le basi scientifiche degli effetti prodotti sull'organismo di chi esagera con spumante, vino, birra e cocktail, proponendo anche possibili contromisure.

Bere tanta acqua e uova al mattino: sono queste le basi, secondo i chimici americani, per sperare in un risveglio 'decente' dopo una notte di festeggiamenti e alcool. A spiegare quello che succede all'interno del nostro organismo è un breve video che passa in rassegna i motivi per cui la mattina dopo una sbornia siamo tutti alle prese con nausea, stanchezza, disidratazione, e perché no, anche vomito e diarrea.

Ovviamente il primo consiglio è quello di bere con moderazione alcool, ma se proprio non ci si riesce ecco cosa fare per limitare i danni: il primo è quello di preferire cibi grassi e calorici perché proteggono la mucosa dello stomaco e limitano almeno un po' gli effetti indesiderati dell'alcool. Il secondo è quello di bere tanta acqua, un bicchiere per ogni drink, in quanto uno dei peggiori nemici di un risveglio sano è proprio la disidratazione. Continuare a bere poco prima di andare a dormire è uno dei peggiori errori perché l'alcool interagisce con alcuni neurotrasmettitori come il Gaba alterando le nostre percezioni e disturbando il sonno.

Al mattino invece uno dei migliori rimedi è quello di mangiare uova, i cibi ricchi di l-cisteina aiutano infatti il fegato a ripulire l'organismo dalle sostanze tossiche, in particolare gli acetaldeidi, prodotti nei processi di degradazione dell'alcool.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X