Martedì, 25 Giugno 2019

Primarie Pd in Sicilia, Barbagallo: "Occasione persa, il partito recuperi"

"Dopo l'annuncio di Teresa Piccione resta un solo candidato che potrà decidere se autoproclamarsi o fare rinvio alle norme statutarie. Noi abbiamo contestato la mancanza del rispetto delle regole perché si sarebbe dovuto partire dai segretari di circolo, per arrivare ai provinciali e, infine, al regionale. Un partito per essere credibile dovrebbe essere capace di far rispettare al suo interno le regole. Oggi il Pd ha vissuto una grande mancanza di credibilità nei confronti dei nostri iscritti e poi come classe politica". A dirlo è stato Anthony Barbagallo, deputato del Pd all'Assemblea regionale siciliana, a margine dei lavori d'Aula dopo il passo indietro di Teresa Piccione, candidata dell'area Zingaretti alle primarie del Pd in Sicilia.

"Sono profondamente amareggiato - ha proseguito - perché abbiamo perso una grande occasione per confrontarci sulle idee per il rilancio del partito, sui temi che non solo quelli delle alleanze, ma quelli per far ripartire la Sicilia".

Per Barbagallo ci sono "temi importanti su cui il partito continua a essere silente. Il Pd dovrebbe riappropriarsi del suo ruolo, ritrovare lo spirito fondante, l'unità nella diversità, il rapporto con la base e con i circoli. Serve un partito che si occupi degli ultimi, dei più deboli, dei temi sociali cari alla sinistra che invece ultimamente stiamo lasciando ad altri, occupandoci forse troppo di banche e poteri forti".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X