Lunedì, 30 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Multimedia

Home Video Multimedia Sicilia E-Servizi, Ingroia: messo in sicurezza il servizio informatico - Video

Sicilia E-Servizi, Ingroia: messo in sicurezza il servizio informatico - Video

PALERMO. "Oggi abbiamo messo in sicurezza il sistema informatico di Sicilia E-Servizi".

Lo ha detto l'amministratore unico di Sicilia E-Servizio, Antonio Ingroia, in conferenza stampa a Palermo parlando del trasferimento degli applicativi informatici dalla Valle D'Aosta alla Sicilia dopo il black out dei giorni scorsi, "pilotato" dall'ex socio privato Engineering.

Poi ripercorrendo le tappe che hanno portato alla nascita della società in Sicilia Ingroia ha detto: "Nel 2005 è stato concepito un bel progetto: dotare la Sicilia di un piattaforma telematica integrata, si è pensato di farlo con un modello di partenariato pubblico e privato, ma non ha funzionato il modo in cui è stato realizzato. Il bando di gara prevedeva che le spese sarebbero state di 50 milioni di euro più la cosiddetta gestione e conduzione della piattaforma per un massimo di 100 milioni di euro, in realtà il credito vantato dal socio privato, tra quello che ha già incassato e quello che pretende oggi, supera i 300 milioni di euro".

"La sproporzione è evidente e inaccettabile al punto che l'Anac di Raffaele Cantone ha emesso un parere che ritiene illegittimi gli affidamenti fatti fuori gara in epoca successiva e questo potrebbe innescare un contenzioso nel contenzioso - ha proseguito -. Negli anni è accaduto durante i governi Cuffaro e Lombardo che la società è stata consegnata nelle mani dei privati, la governance invece di rimanere in mano della Regione è stata consegnata ai privati. E' stata soppressa la società Sicilia e-Innovazione e Sicilia E-Servizi è stata trasformata in un carrozzone mangia soldi".

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X