Venerdì, 22 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Multimedia

Home Video Multimedia Protettive o poco affettuose: le mamme del mondo animale

Protettive o poco affettuose: le mamme del mondo animale

Mamma ippopotamo
Mamma ippopotamo è molto protettiva nei confronti del suo piccolo ed è pronta a scacciare gli altri animali che gli si avvicinino: non esita neppure ad attaccare gli umani. Prima del parto si allontana dal gruppo e vi ritorna solo dopo circa due settimane dalla nascita del cucciolo, periodo necessario per sviluppare un forte legame con lui. A circa un anno di età il piccolo inizia ad essere indipendente, pur continuando a ricercare il contatto con la madre.

Mamma lemure
Nel lemure catta le femmine sono dominanti sui maschi ed è una di loro a guidare l’intero gruppo, scegliendo i luoghi in cui mangiare e dormire. Quando nasce un piccolo è la madre a prendersi maggiormente cura di lui ma può permettere anche ad altre femmine di avvicinarsi. Nei primi giorni di vita, i piccoli di lemure catta restano aggrappati al ventre della madre, mentre ad un mese d’età si spostano sul suo dorso ed iniziano ad esplorare l’ambiente, senza tuttavia avventurarsi a più di 50 cm di distanza da lei.

Mamma fenicottero
Mamma e papà si dividono quasi equamente le cure parentali dall’uovo al pulcino, guidandolo negli spostamenti e “accompagnandolo” poi “all’asilo” realizzato ad hoc per tutti i piccoli della colonia che nascono quasi contemporaneamente. A turno, mamma e papà tornano dal piccolo più volte nell’arco della giornata per dargli da mangiare.

Mamma tamarino
A differenza di tutti gli altri primati, nel tamarino edipo le mamme preferiscono gestire il piccolo solo per il tempo necessario dell’allattamento. Infatti è il papà che tiene il piccolo con sé o meglio i piccoli poiché queste scimmie normalmente hanno un parto gemellare, li trasporta e li lascia alla mamma solo il tempo necessario per l’allattamento.

Mamma casuario
La mamma Casuario, lo strano uccello australiano che ha una prominenza ossea sul capo coperta da un elmetto corneo, prepara il nido, si accoppia con il maschio e depone circa 4 uova, ma poi lascia che sia il maschio ad occuparsi della cova e della crescita dei pulcini che restano con il papà fino all’età di 9 mesi quando sono ormai indipendenti.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X