Sabato, 24 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Video Economia Tre aziende siciliane investono sulle mascherine anti-Coronavirus: "Innovazione e sicurezza"

Tre aziende siciliane investono sulle mascherine anti-Coronavirus: "Innovazione e sicurezza"

Tre stabilimenti a Carini, Marsala e nell’area industriale di Catania; investimenti complessivi con capitali privati e senza alcun contributo pubblico per 2 milioni e mezzo di euro. Una capacità produttiva pari a 130 mila “pezzi” al giorno; oltre 140 dipendenti, più di 200 persone tra indotto e fornitori. Sono i numeri di MihS, Industrie Meccatronica Sicilia: il primo Polo produttivo in Italia con la filiera completa di dispositivi anti-Covid, ‘made in Sicily’.

Un progetto targato Meccatronica, sul quale hanno investito le aziende “Montalbano Protection” di Carini, “Puleo Healthcare” di Marsala e “Hotaly” dell’area industriale di Catania. La newco è coordinata da Antonello Mineo, che ha trasferito su essa il concetto di filiera strategica, già collaudato dalle imprese del distretto nell’ambito del progetto “Sos Covid” lanciato in piena pandemia dal Distretto Meccatronica.

Nasce MihS, il primo polo "made in Sicily" per la produzione di Dpi anti-Coronavirus

Le tre aziende hanno deciso di investire e di fare squadra puntando sul ‘made in Sicily’ per dare supporto al “sistema Sicilia” alle prese con l’emergenza del Covid-19 pur incontrando tante difficoltà, soprattutto burocratiche. E per farlo hanno completato la filiera di Dpi, primo esempio virtuoso in Italia: mascherine chirurgiche, Ffp2, camici, tute, gel igienizzante. Non solo. “Montalbano Protection” in uno dei capannoni dell’area di Carini ha realizzato una linea dedicata alle Ffp3, la prima nell’intero Sud Italia.

Le nostre aziende sono state le prime a riconvertirsi all’inizio della pandemia - dice Antonello Mineo – Sono state tempestive, hanno investito risorse proprie, si sono messe a disposizione del territorio. Purtroppo, spesso nel nostro amato Paese, le imprese devono fare i conti con i tempi lunghi della burocrazia. A ciò si aggiunga il paradosso per cui dalla Cina arrivano DPI non conformi alle norme vigenti se non persino pericolosi per la salute dei cittadini. Ritengo che la qualità dei dispositivi di protezione debba essere un punto fermo a difesa della salute non solo dei siciliani, ma di tutti gli italiani".

Video di Virginia Cataldi

© Riproduzione riservata

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X