Domenica, 27 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca L’aggressore del centro commerciale di Assago: «Erano tutti felici, provavo invidia»

L’aggressore del centro commerciale di Assago: «Erano tutti felici, provavo invidia»

Era convinto di essere gravemente ammalato e di aver ancora poco da vivere. Così prima ha tentato di farla finita buttandosi dal terrazzo del centro commerciale Milano Fiori di Assago. Poi è sceso al pianterreno, è entrato al Carrefour, si è avvicinato a uno scaffale e ha agguantato un coltello con una lama di 20 centimetri. Prima ha pensato di suicidarsi ma dopo, vedendo attorno «quelle persone felici, che stavano bene» ha cominciato a colpire a caso perché «mi facevano invidia».

In un minuto ha ucciso una persona e ne ha ferite cinque (tutte fuori pericolo). È la confessione di Andrea Tombolini, il 46enne di Milano, accusato di omicidio e di duplice tentato omicidio, per aver dato sfogo alla sua rabbia nata dal suo grave disagio psichico: nel tardo pomeriggio, ora di punta per il supermercato, ha accoltellato a morte il cassiere, Luis Fernando Ruggieri, e ha colpito altri 5 clienti, tra cui il calciatore del Monza Pablo Marì (sta «bene ed esprime la sua vicinanza» a chi non ce l’ha fatta e agli altri feriti), Franco Caddeo e Francesco Rizzini, ricoverati in prognosi riservata ma non in pericolo di vita.

L’uomo, incensurato, che vive con madre, padre e sorella nel quartiere Stadera, licenza di terza media e disoccupato, da un anno in crisi per via di una bruttissima depressione, come ha raccontato il suo medico di base, non ha mai dato segni che potessero far pensare a un gesto simile. Certo, era stato ricoverato un mese e mezzo fa per un intervento chirurgico, si era preso a pugni per la disperazione, ma, come ha spiegato il procuratore della Repubblica Marcello Viola in una conferenza stampa convocata per «l'allarme sociale e il turbamento generato nella collettività» da quanto accaduto, «avvisaglie non ce ne sono state».

Viola, con l’aggiunto Laura Pedio e con il generale Iacopo Mannucci Benincasa, comandante provinciale dei carabinieri di Milano, ha voluto esprimere la «solidarietà nei confronti delle vittime e dei loro familiari» E, poi, anche «l'apprezzamento per il senso civico dei cittadini» che ieri sono intervenuti «dando una mano ai militari che in pochi istanti sono riusciti a bloccare l’uomo» nonostante «la confusione e il grande parapiglia» in quanto il supermercato a quell'ora era «particolarmente affollato. Le vittime potevano essere di più», ha osservato. Mannucci Benicasa, in base alle indagini coordinate dal pm Paolo Storari, ha spiegato che dalle immagini delle telecamere e dalle tracce a terra, Tombolini, arrivato in bici al centro commerciale di Assago, è entrato nel punto vendita della catena della grande distribuzione e dopo avere vagato tra le corsie, come se cercasse qualcosa, si è fermato davanti allo scaffale dei coltelli, come si vede dalle telecamere di sorveglianza. Ne ha estratto uno da un kit, forse il più grande. Da quel momento tutto si è concluso in un minuto, davanti alle casse, con grida e feriti a terra.

Lì viene disarmato da un impiegato e da altri clienti tra cui il palermitano Massimo Tarantino, ex giocatore dell’Inter. Un gesto «imprevedibile», non premeditato, che fin da subito ha fatto escludere qualsiasi movente terroristico. «Aveva l'ossessione di avere una malattia - ha precisato Pedio - e su insistenza della famiglia era stata fissata una visita psichiatrica per i primi di novembre» per via dei suoi problemi. Problemi, per cui prendeva psicofarmaci ma «senza abusarne» e che lo hanno al massimo portato a «rompere qualcosa a casa o a buttare a terra le biciclette» in sharing parcheggiate sui marciapiedi della città. «Era inserito in una struttura familiare», ha detto ancora il magistrato, escludendo vivesse in «una situazione di degrado».

Ora la parola passa al gip che oggi ha interrogato l’uomo nel reparto di psichiatria dell’ospedale San Paolo e dove il pm Paolo Storari, nel chiedere la conferma dell’arresto e l'applicazione della misura cautelare della custodia in un luogo di cura, vorrebbe rimanesse in attesa di una perizia che accerti il suo stato di salute e i suoi problemi psichici. Intanto, è arrivato l’invito alla direzione di Carrefour Italia di togliere i coltelli dai loro punti vendita per evitare eventuali gesti emulativi.

Nel video le immagini dell'assalto dal servizio del Tg1

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X