Mercoledì, 07 Dicembre 2022
stampa
Dimensione testo

Viaggi

Home Viaggi 'Depero mito presente' al Riso di Palermo

'Depero mito presente' al Riso di Palermo

Viaggi
'Depero mito presente' al Riso di Palermo
© ANSA

PALERMO - Nella prima metà del secolo scorso nessuno come il futurista Fortunato Depero ha saputo incarnare l'idea italiana di artista totale. In questo senso, la mostra "Depero mito presente", dal 4 ottobre al Museo d'arte contemporanea Riso di Palermo, costituisce un'occasione straordinaria per ripercorrere la carriera di questo grande protagonista del '900. Curata da Nicoletta Boschiero e in collaborazione col Mart di Rovereto, la rassegna è stata presentata alla stampa da Vittorio Sgarbi e Silvio Cattani, rispettivamente presidente e vicepresidente del Mart, dall'assessore regionale alla Cultura Alberto Samonà e dalla nuova direttrice di Riso Maddalena De Luca.
    "Depero è stato un artista libero, che ha saputo ascoltare il rumore del mondo", ha detto Sgarbi, ricordando l'importanza del suo soggiorno a New York. "Un'esperienza senza precedenti - ha sottolineato - che ha sprovincializzato l'arte italiana e ha fatto conoscere il Futurismo a livello internazionale". Pittore, scenografo, costumista, ideatore di mobili e arredamenti, scultore e pubblicitario, Depero ha svolto, assieme a Balla, un ruolo fondamentale per lo sviluppo del cosiddetto secondo Futurismo. Al Riso sono esposte alcune fra le opere più belle e preziose di Depero, grandi oli, acquarelli, disegni, fino al libro imbullonato, copia di proprietà della Biblioteca regionale della Sicilia le cui pagine è possibile sfogliare virtualmente su un monitor.
    "Dimenticare l'elemento uomo e sostituirlo con l'automa inventato per ottenere un maggior senso geometrico e di libertà": un'esaustiva sezione della mostra è dedicata ai Balli plastici, azioni mimiche per il teatro di marionette. Il primo spettacolo andò in scena a Roma nel 1918 al Teatro dei piccoli di Podrecca su musiche di Alfredo Casella e altri. Un'altra sezione ricorda il "Cabaret del diavolo" per l'Hotel Élite et des étrangers di Roma.
    Ancora oggi la bottiglia del Campari soda è quella disegnata da Fortunato Depero, a forma di calice rovesciato. Sono esposti alcuni manifesti di quella lontana campagna pubblicitaria.
    Completa la mostra una piccola appendice dedicata a Depero in Sicilia, quando fu ospite dell'amico Guglielmo Jannelli. La mostra è aperta fino al 15 gennaio. 
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X