Sabato, 04 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Viaggi

Home Viaggi Le mostre del weekend, da Piet Mondrian ai videogames

Le mostre del weekend, da Piet Mondrian ai videogames

ROMA - Il focus su Caravaggio e Artemisia Gentileschi a Roma accanto al primo progetto interamente dedicato a Piet Mondrian a Milano, fino alla grande mostra sui videogiochi a Trieste: sono alcuni degli appuntamenti in programma in questo ultimo weekend di novembre. ROMA - "Caravaggio e Artemisia: la sfida di Giuditta. Violenza e seduzione nella pittura tra Cinquecento e Seicento", a cura di Cristina Terzaghi, è la mostra in programma a Palazzo Barberini dal 26 novembre al 27 marzo 2022. Celebrando i 70 anni dalla riscoperta della tela di Caravaggio "Giuditta che decapita Oloferne", realizzata a Roma al principio del Seicento e custodita a Palazzo Barberini, e i 50 anni dall'acquisizione da parte dello Stato Italiano dell'opera, l'esposizione presenta in 4 sezione 31 dipinti - quasi tutte di grande formato - provenienti da importanti istituzioni nazionali ed internazionali. Al Gaggenau DesignElementi "S-composizioni", personale di Francesca Piovesan, curata da Sabino Maria Frassà: allestita dal 22 novembre all'8 marzo 2022, la mostra esplora l'evoluzione della ricerca dell'artista, dalle iconiche sculture in vetro all'inedito ciclo di opere su carta "Aniconico", in cui attraverso il mosaico (i cui tasselli sono impronte fotografiche della pelle della stessa Piovesan) si riflette sul corpo umano e sulla sua scomposizione.
    COMO - "Sintesi dell'astratto. La pittura di Manlio Rho e il suo archivio" è la mostra allestita alla Pinacoteca di Como dal 26 novembre fino al 6 febbraio 2022, in occasione dei 120 anni della nascita dell'artista. A cura di Elena Di Raddo in collaborazione con Archivio Manlio Rho, il progetto documenta il "metodo" attraverso il quale l'artista è riuscito a definire l'equilibrio del colore e delle forme presenti nelle sue composizioni. Esposti, oltre ai dipinti, anche schizzi, lucidi e varianti delle opere su tela e studi sul colore.
    GENOVA - Prima tappa del grande progetto espositivo "Giannetto Fieschi. Un'Esposizione Antologica" è la mostra "Giannetto Fieschi. Dentro al Sacro" al Museo Diocesano di Genova dal 27 novembre al 26 febbraio 2022: 20 grandi opere, tra pittura, disegni e incisioni, svelano come negli anni la ricerca artistica di Fieschi sia passata dalla dimensione espressionista a quella centrata sull'analiticità del disegno, da soggetti e figure isolate, come Santa Lucia e Santa Caterina Fieschi, a eventi che raccontano della Via Crucis.
    CAGLIARI - Dal 24 novembre al 30 gennaio 2022 la Basilica di San Saturnino - Rete Musei Civici Cagliari ospita la personale "Apostoli" di Antonio Porru: nel percorso oltre 90 opere raccolte in sei gruppi - Apostoli, Cieli, Terre, 1652 peste a Sanluri 2020 Pandemia, Testimoni, Terrecotte - riflettono sulla condizione umana dialogando con lo spazio architettonico.
    TRIESTE - Dal 26 novembre al 20 febbraio 2022 al Salone degli Incanti "Videogames!", la prima grande mostra internazionale sui videogiochi: la storia del videogioco dagli anni '50 a oggi viene raccontata attraverso oltre 200 dispositivi tra consolle, cabinati e giochi vari. Nel percorso, che documenta la nascita, l'evoluzione e la trasformazione del videogioco in fenomeno di massa, il pubblico potrà direttamente interagire grazie a sale immersive e stazioni interattive per giocare.
    ASTI - "I Macchiaioli. L'avventura dell'arte moderna" è la mostra allestita a Palazzo Mazzetti dal 19 novembre al 1 maggio 2022: fra dipinti celebri e opere meno note perché mai esposte prima, l'esposizione racconta le caratteristiche storiche e formali del movimento pittorico più importante dell'avanguardia italiana risorgimentale e il clima sociale che fa da sfondo alla vicenda degli artisti che ne presero parte. Tra i lavori presenti nel percorso, anche Mamma con bambino (1866-67) di Silvestro Lega, Tramonto in Maremma (1900-05) di Giovanni Fattori, Bambino al sole (1869) di Giuseppe De Nittis e Signore al pianoforte (1869) di Giovanni Boldini.
    MILANO - Dal 24 novembre al 27 marzo 2022 al Mudec un grande progetto per la prima volta interamente dedicato all'artista olandese Piet Mondrian, grazie alla collaborazione del Kunstmuseum den Haag. Dal titolo "Piet Mondrian. Dalla figurazione all'astrazione", la mostra presenta 60 opere attraverso le quali, seguendo il fil rouge del paesaggio, emerge una progressiva evoluzione stilistica che ha il suo punto di partenza nel naturalismo e nell'impressionismo e che passa poi via via attraverso il post-impressionismo, i fauves, il simbolismo e il cubismo fino ad abbracciare uno stile unico, vicino all'astrazione. Chiuderà il 30 novembre la prima mostra di Betti Sperandeo, dal titolo "Di figure e di sfondi", in programma alla Galleria Francesco Zanuso: esposta una selezione di ritratti di donne intense e sensuali, opere caratterizzate dall'attenzione alla composizione, allo sfondo e al colore, in cui l'artista concentra il suo sguardo originale sul mondo femminile. (ANSA).
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X