Mercoledì, 29 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Viaggi

Home Viaggi Mostre e green pass, gli scatti di Pedone, Bosso e Niedermayr

Mostre e green pass, gli scatti di Pedone, Bosso e Niedermayr

TORINO - Dallo sguardo sui luoghi geografici e 'sociali' di Walter Niedermayr a quello di Francesco Bosso sulla resistenza al tempo degli ulivi pugliesi fino all'attenzione ai miti delle Dolomiti negli scatti di Marcella Pedone: è la fotografia il linguaggio che predomina negli appuntamenti espositivi della settimana, la prima in cui per entrare nei musei e nei luoghi di cultura sarà necessario presentare il green pass, la misura di contenimento dei contagi in vigore dal 6 agosto.

TORINO - "Transformation" è la personale di Walter Niedermayr ospitata negli spazi di Camera Centro Italiano per la Fotografia dal 29 luglio al 17 ottobre. A cura di Walter Guadagnini con la collaborazione di Claudio Composti e Giangavino Pazzola, la mostra presenta circa 50 lavori in cui il fotografo altoatesino indaga i luoghi dal punto di vista geografico e sociale, attraverso temi ricorrenti come i paesaggi alpini, le architetture e il rapporto fra lo spazio pubblico e lo spazio privato.

CORNIGLIA (SP) - Indaga la complessità della dimensione collettiva e dell'esperienza individuale, mescolando i confini tra le sfere del politico, del sociale, del vissuto la pittura di Iva Lulashi, protagonista della mostra "Libere e desideranti", a cura di Giuseppe Iannaccone e in programma all'Oratorio dei Disciplinati di Santa Caterina di Corniglia dall'8 agosto al 30 settembre. Privilegiando i dipinti più recenti, la personale documenta la riflessione dell'artista, nata a Tirana nel 1988, sulla centralità del corpo, dell'erotismo e del desiderio nella determinazione dell'esistenza, in un'ottica squisitamente femminile.

TRICASE (LE) - "Alive" è il progetto espositivo di Francesco Bosso che mette al centro gli ulivi di Puglia: allestita dal 24 luglio al 30 settembre al Castello di Tutino, la mostra presenta scatti che il fotografo ha dedicato agli ulivi pugliesi, sia quelli maestosi del nord che quelli distrutti dalla xylella del Salento, in un racconto emozionante di speranza e resilienza che celebra l'amore e il rispetto per la Terra. MILANO - La fotografa documentarista Marcella Pedone (classe 1919, oggi 102 anni) è protagonista al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia con la mostra "Dolomiti trasfigurate", in programma dal 29 luglio al 3 ottobre. Una selezione di 32 fotografie (tratta dall'archivio di 170.000 immagini donato nel 2017 al Museo) compone un percorso interamente dedicato alle Dolomiti, viste però con occhio onirico, per celebrare i miti e i simboli di una terra conosciuta dall'autrice profondamente. Le opere esposte sono realizzate dalla Pedone con un tecnica speciale: la fotografa ha sovrapposto due o più pellicole a colori, sommando fra di loro ritratti e paesaggi, particolari e panoramiche, talvolta ritoccando cromaticamente i dettagli fino a raggiungere il risultato desiderato.

SAN QUIRICO D'ORCIA - Dal 24 luglio al 2 novembre per festeggiare i 50 anni della rassegna di scultura Forme nel Verde è in programma "Reflexes", personale di Helidon Xhixha in alcuni luoghi della Toscana, gli Horti Leonini e la piazza Chigi di San Quirico, i Cipressini e la cappella di Vitaleta sulla via Francigena, la vasca cinquecentesca nel cuore di Bagno Vignoni e la Piazza del Duomo a Siena. Il percorso curato da Klodian Dedja e con la direzione artistica di Carlo Pizzichini, si compone di 12 opere di Xhixha, monumentali forme in acciaio lucido e levigato che modellano la luce e i suoi riflessi.

TIRANA - Prosegue fino al 15 settembre la mostra "Veggenti", curata da Davide Quadrio e Ajola Xoxa e allestita dal 15 luglio alla Vecchia Villa di via Ibrahim Rugova, che vede gli artisti Patrick Tuttofuoco e Andrea Anastasio impegnati in un progetto site specific condiviso, a cui hanno lavorato separatamente ma congiuntamente. Nel percorso i due protagonisti, differenti per generazione e pratica artistica, presentano opere e installazioni (molte delle quali realizzate ad hoc) in cui si evidenzia l'incontro tra la complessa cultura e la storia dell'Albania con la loro ricerca espressiva. 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X