Domenica, 25 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Viaggi

Home Viaggi L'estate di Caracalla tra passato e futuro

L'estate di Caracalla tra passato e futuro

ROMA - Ballerini e performer che animano le rovine delle maestose terme romane con una serie di azioni sceniche ispirate alla storia di queste mura millenarie nate come il Foro della dinastia dei Severi. Libere per quest'anno dagli spettacoli dell'Opera di Roma, le Terme di Caracalla rilanciano la loro estate con Muses tre performance contemporanee ispirate al sito archeologico, al suo passato, alle suggestioni verso il futuro. Il ciclo, realizzato da Artestudio con la Soprintendenza Speciale di Roma e curato da Riccardo Vannuccini, presenta da domani da venerdi 25 giugno un teatro danza fisico ed emozionale, basato sul corpo e sul movimento di gruppo. "Tra arti sceniche e luoghi archeologici può instaurarsi una complicità di grande forza espressiva -dice Daniela Porro Soprintendente Speciale di Roma-. Così quest'anno, in cui a causa della pandemia il grande giardino delle Terme di Caracalla è libero dalle strutture del Teatro dell'Opera, possiamo dedicarci ad appuntamenti più sperimentali e visionari.
    Muses è un progetto che oltretutto presta anche attenzione ai cittadini fragili".
    Le tre azioni sceniche, a cui i visitatori potranno assistere senza aumento sul costo del biglietto d'ingresso al monumento, si prestano anche all'esplorazione fisica degli spazi monumentali delle Terme di Caracalla come elemento di suggestione e di riflessione. " Caracalla si rigenera sempre, con un'attenzione costante all'inclusività e con il desiderio di regalare ai suoi visitatori un'emozione unica", sottolinea la direttrice del sito Mirella Serlorenzi.
    I titoli in programma evocano il passato dell'impianto termale: con Bessales, di Yoko Hakiko, la concretezza dei larghi mattoni quadrati impiegati in vario modo nelle costruzioni; con Eliogabalo di Cecile Fracassato, uno degli imperatori della dinastia dei Severi che completò l'impianto termale con il recinto esterno; con Frigidarium21 di Vannuccini le possenti strutture delle Terme. Elementi antichi con cui gli interpreti intendono coinvolgere i visitatori, richiamando il futuro, intorno a temi come la costruzione e la distruzione, la commistione di culture, la cittadinanza ( non a caso proprio l'imperatore Caracalla estese la cittadinanza romana a tutti gli abitanti liberi dell'impero), la presenza e l'assenza. Bessales e Eliogabalo verranno replicati tre volte durante i pomeriggi del 25 giugno e del 2 luglio, alle 16.45, alle 17.45 e alle 18.25, mentre Frigidarium21 per una sola volta giovedì 8 luglio alle 21.00.
    Muses ospita il progetto Combinazioni21, realizzato con la Presidenza del Consiglio, sul rapporto tra performance, museo e cittadino fragile, invitando ad assistere agli spettacoli alcuni gruppi con cui Artestudio collabora, ovvero migranti, persone senza fissa dimora, disabili psichiatrici, detenuti. (ANSA).
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X