Mercoledì, 14 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Viaggi

Home Viaggi Banksy mette la firma, è suo il murale in prigione Wilde

Banksy mette la firma, è suo il murale in prigione Wilde

 Banksy ci mette la firma. E' suo il murale che ritrae un detenuto in fuga apparso nei giorni scorsi sul muro di cinta della prigione di Reading (Inghilterra meridionale), in cui venne rinchiuso anche Oscar Wilde alla fine dell'Ottocento. L'artista di strada ha confermato la sua impresa pubblicando un video sul suo sito web. La conferma è arrivata anche dal ministero della Giustizia britannico.
    "Stiamo valutando i prossimi passi e forniremo un aggiornamento a tempo debito", si legge in una nota.
    Mentre l'amministrazione cittadina di Reading ha affermato che il coinvolgimento di Banksy suggerisce il suo sostegno alla campagna per salvare la prigione. La struttura, dove venne incarcerato Wilde per una relazione omosessuale tra il 1895 e il 1897, è abbandonata dal 2013 ed è stata messa in vendita dal governo nel 2019. In un primo momento sembrava che il complesso sarebbe stato acquistato da un gruppo edilizio per farne appartamenti. L'accordo è fallito e il municipio di Reading si è fatto avanti con l'offerta di trasformarlo in un centro artistico. Una campagna che ha coinvolto molti vip chiede che sia proprio questa la destinazione finale dello storico luogo.
   

© Riproduzione riservata

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X