Mercoledì, 18 Settembre 2019

10 visite a casa dei re

 

Reggia di Versailles

815 ettari di boschi, 93 giardini con fontane e 372 statue; più di 700 stanze e saloni con 2.300 oggetti di cui mille pezzi da museo; 2.513 finestre, 352 camini, 67 scale e 483 specchi. E’ l’immensa, maestosa e sfarzosa reggia di Versailles, da 40 anni patrimonio dell’Unesco. Nata come antica residenza di caccia dei Borbone di Francia, a 16 chilometri a sudovest di Parigi, venne ampliata per volere del giovane re Luigi XIV e rimase la sede del potere politico di Francia fino al 1682, quando il Re Sole vi trasferì la propria corte. E’ uno dei palazzi monumentali più famosi e visitati del mondo: ogni anno più di 5 milioni di persone entrano nella reggia e quasi 10 nei suoi giardini, magnifica sede di festival e concerti. E’ un luogo intriso di storia e di leggenda che nell’immaginario collettivo viene associato soprattutto a Maria Antonietta, la consorte del re Luigi XVI che a Versailles teneva le sue costose feste. All’interno la reggia ospita dal 1837 il museo della Storia francese: è il più grande sito museale storico del mondo con dipinti e oggetti di grande valore. Esterne al palazzo ci sono una Orangerie per conservare piante esotiche, il Grand Trianon, una dépendance che fece edificare il Re Sole per rifugiarsi dalla vita di corte, e il Piccolo Trianon, che invece era il luogo preferito da Maria Antonietta. Info: www.chateauversailles.fr

Buckingham Palace
E’ la residenza londinese della Regina d’Inghilterra, visitabile solo quando la famiglia reale è in vacanza, ed è la sede di importanti cerimonie pubbliche: dai ricevimenti per le visite dei capi di Stato ai saluti ai sudditi dal celebre balcone e alle feste nei giardini. Il palazzo è soprattutto un punto di riferimento per i cittadini e i turisti che possono assistere al cambio della guardia reale, una tradizione che si ripete dal 1660. L’appuntamento è per le 11.30 nel cortile del palazzo tutti i giorni d’estate e a giorni alterni nel resto dell’anno. Buckingham Palace ospita 775 stanze, tra cui 19 di rappresentanza, 52 camere da letto principali, 188 camere per la servitù, 92 uffici e 78 bagni. Ricco ed elegante è il piano nobile dove la regina risiede con il consorte occupando 12 stanze; ma il vero gioiello del palazzo è la Queen’s Gallery, che ospita le opere di maggior interesse della collezione d’arte della Regina, una delle collezioni private più belle al mondo. La visita del pubblico comprende anche la Sala delle Guardie con i suoi bellissimi arazzi e i grandi lampadari; il Salotto Verde, dove entrano gli ospiti ufficiali durante le cerimonie reali e che fa da anticamera alla Sala del Trono, tappezzata di damasco rosso, dove si trovano gli scranni rosa del re e della regina; il Salotto Bianco in cui vengono ricevuti gli ambasciatori stranieri e la stanza più grande, la Sala da ballo, per ricevimenti ufficiali e cene di Stato. Tra le tante curiosità che riguardano il Palazzo: tra gli 800 lavoratori due di loro si occupano a tempo pieno dei 350 orologi, molti dei quali antichissimi.
Informazioni: www.royal.uk

Reggia di Venaria Reale
Nel 1997 la magnifica residenza sabauda a 10 chilometri da Torino è stata inserita dall’Unesco tra i beni patrimonio dell’Umanità. L’antica casa di caccia commissionata dal duca Carlo Emanuele II nei boschi piemontesi è oggi un luogo perfetto per mostre, concerti, festival e manifestazioni culturali che sottolineano la bellezza e la ricchezza della sua architettura e del suo giardino. La Venaria è tra i primi dieci siti museali più visitati d’Italia con le 4mila opere ospitate nei saloni decorati con stucchi, statue e dipinti e con il bellissimo parco, tra i più grandi e antichi d’Italia, che alterna un frutteto di 10 ettari a ortaggi ed essenze fiorite a un roseto e a un “gran parterre”. Il parco si attraversa a piedi o salendo a bordo di un trenino o di una romantica carrozza a cavallo. La Reggia, che offre visite guidate, sorge a Venaria, borgo progettato nel 1667 da Amedeo di Castellamonte come ingresso scenografico alla residenza. Info: www.lavenaria.it

Palazzo reale di Madrid
Troneggia sulla scenografica plaza de Oriente di Madrid: è il maestoso palazzo Reale o palazzo d’Oriente, sede rappresentativa della monarchia spagnola. Risale al 1735 e venne progettato da Filippo Juvarra e dal discepolo Giovan Battista Sacchetti che ricostruirono e ampliarono un precedente edificio distrutto da un incendio; l’impronta degli artisti italiani si ritrova anche nei giardini sottostanti con le scuderie reali e nella statua di Filippo IV, realizzata da Pietro Tacca, che occupa il centro della piazza. Se all’esterno il palazzo è sorprendente, l’interno è ancora più bello e ricco: arazzi, mobili, dipinti e oggetti di pregio arredano le sue 3.418 tra stanze e appartamenti reali. Tra i tanti saloni c’è quella del trono che conserva ancora gli arredi di Carlo III con mobili dorati rococò realizzati da artisti napoletani, pareti in velluto, orologi, arazzi e lampadari veneziani; i pezzi più importanti sono i 4 leoni dorati che difendono il trono e gli affreschi del Tiepolo che rappresentano la monarchia spagnola. Il cortile o plaza de Armeria ospita il cambio della guardia, il museo delle carrozze e la farmacia reale, dove si trovano numerosi vasi di medicinali e una sala per la distillazione. Oggi il palazzo è utilizzato solo per le cerimonie, le conferenze e gli atti ufficiali, dato che la famiglia reale vive nel palazzo della Zarzuela, in una zona periferica di Madrid.
Informazioni: www.patrimonionacional.es

Hofburg di Vienna
E’ il palazzo del potere sin dai tempi dell’impero austro-ungarico, realizzato dal XII secolo e ingrandito nel tempo grazie agli Asburgo. Sorge nel cuore di Vienna ed è un grande complesso architettonico formato da alcune residenze e palazzi che complessivamente ospitano 19 cortili, 18 ali e 2.600 stanze. Tra gli edifici più interessanti da visitare ci sono il museo delle Argenterie, la Cappella Imperiale, il Naturhistorisches Museum e il Kunsthistorisches Museum, la ricca biblioteca nazionale austriaca, il tesoro imperiale, il Burgtheater, la Scuola di cavalleria spagnola, le stalle imperiali e il centro congressi Hofburg. La visita al palazzo imperiale inizia dagli appartamenti reali, situati negli edifici più interni del complesso, e proseguono nel salone delle udienze, nella sala da pranzo con una tavola riccamente apparecchiata e negli appartamenti privati di Francesco Giuseppe e della moglie, l’amata Sissi. In quest’ultima si possono ammirare oggetti, documenti, vestiti e gioielli ma anche gli originali attrezzi ginnici con cui l’imperatrice si allenava quotidianamente. Informazioni: www.hofburg-wien.at/it

Stockholms slott
Il castello reale di Stoccolma, ricostruito e ampliato nel 1697 dopo un rovinoso incendio, è la residenza ufficiale del re di Svezia, che però vive nel castello di Drottingholm. L’edificio reale, chiamato anche Kungliga slottet, è un’imponente residenza barocca che ospita 2 cortili con 1.430 stanze e 660 finestre, affacciate sul mare dell’isoletta di Gamla Stan, la città vecchia, accanto al Parlamento. L’attuale architettura del palazzo venne disegnata da Nicodemus Tessin il Giovane, artista influenzato dai progetti di Gian Lorenzo Bernini per l’ampliamento del Louvre e per l’omonimo palazzo a Roma. Esternamente l’edificio è costruito in mattoni e pietre calcaree con statue e bassorilievi e il tetto è coperto di rame. All’interno tra i numerosi saloni meritano di essere visitate le tre stanze degli appartamenti degli ospiti, usati per le visite dei capi di Stato, gli appartamenti degli ordini cavallereschi e la cappella reale. Interessanti sono anche il museo delle Antichità con statue del periodo romano, e il museo Tre Kronor, ubicato nelle cantine che un tempo ospitavano le cucine. Informazioni: www.kungligaslotten.se

Reggia di Caserta
In un magnifico parco con un giardino all’italiana e uno all’inglese sorge la residenza reale più grande al mondo, patrimonio dell’Unesco dal 1997: la barocca reggia di Caserta, progettata da Luigi Vanvitelli su incarico di Carlo III di Borbone nel XVIII secolo, fu voluta per rivaleggiare con le regge di Versailles e di Madrid: il risultato, sebbene non fosse proprio come l’originale, fu un grandioso palazzo immerso in un parco di 120 ettari, tra i giardini, un’area naturale, padiglioni di caccia e un complesso industriale per la produzione della seta. All’ingresso della residenza c’è un’imponente scala in marmo mentre al primo piano spiccano il salone dei balli e gli appartamenti reali con la stanza degli Alabardieri e le camere da letto. Fanno parte della Reggia, uno dei siti museali più visitati d’Italia, anche l’acquedotto Carolino, che alimenta le fontane del parco che si illuminano al tramonto, e il complesso di san Leucio, sede del Museo della seta, all’interno del quale si possono ammirare alcuni antichi telai e macchinari originali per la filatura.
Informazioni: www.reggiadicaserta.beniculturali.it

Palazzo di Sanssouci
Su una collina coltivata a vigneti a Potsdam, a 20 chilometri da Berlino, si trovano il palazzo e il parco di Potsdam, entrambi voluti e ideati da Federico il Grande, re di Prussia, che aveva fatto erigere una residenza estiva in stile rococò e che divenne presto una Versailles prussiana. Vent’anni dopo fece costruire nella parte occidentale del parco il Neues Palais, il palazzo nuovo, con 60 sale, in alcune delle quali oggi si svolgono eventi, festival e mostre. Tra i saloni più interessanti da visitare ci sono la biblioteca e la sala da concerto, riccamente decorata. Nei magnifici giardini di Sanssouci il monarca prussiano fece erigere templi, fontane e originali edifici come la Casa cinese del tè e il Tempio dell’amicizia. Il parco offre indimenticabili passeggiate a piedi e in bicicletta mentre i battelli sull’Havel raggiungono la Pfaueninsel, l’isola dei pavoni, anch’essa voluta da Federico II per intrattenere le sue amanti in un castello immerso nel verde. Parco e castello sono entrambi patrimonio dell’Umanità dal 1990. Informazioni: www.spsg.de

Palazzo reale di Queluz
Nel comune di Sintra, poco sopra Lisbona, si trova il palazzo nazionale o reale di Queluz, un suntuoso edificio color rosa pastello con dorature in stile rococò e stucchi elaborati. Realizzato tra il 1747 e il 1760 dall’architetto Robillon per volere di re Pedro III su un’antica residenza di campagna, l’imponente edificio venne usato dalla famiglia reale per feste e spettacoli fino al 1807. Oggi nelle sue 22 sale riccamente decorate si svolgono concerti e, nel padiglione della regina Maria, ricevimenti per i capi di Stato. Il palazzo è circondato da un parco, dove si trovano mura decorate con azulejos e da giardini con fontane abbellite da figure mitologiche. Info: www.parquesdesintra.pt

Castello di Laeken
Della residenza dei re del Belgio, immersa nei boschi di Laeken, sobborgo di Bruxelles, si visita solo il grande parco che circonda l’edificio settecentesco. Al centro del parco si trova il monumento in stile gotico dedicato a Leopoldo I, inaugurato nel 1880 in occasione del cinquantesimo anniversario dell’indipendenza del Belgio, mentre grandi alberi di ippocastano e magnolia ne costeggiano i viali. L’area verde ospita due costruzioni orientaleggianti: una Torre giapponese e il Padiglione cinese con un’interessante collezione di porcellane e oggetti orientali del XVII e XVIII secolo. Ma il vero gioiello del parco sono le sette serre reali, straordinarie cupole di vetro e ferro, considerate tra le più grandi del mondo. Furono costruite per volere di Leopoldo II dagli architetti Balat e Horta in stile Art Nouveau tra il 1875 e il 1893. Oltre a essere un capolavoro architettonico sono uno straordinario patrimonio naturalistico perché ospitano rare specie botaniche tropicali e subtropicali; le serre sono aperte al pubblico solo per venti giorni tra la fine aprile e l’inizio maggio. Informazioni: www.visitflanders.com/it

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X