Venerdì, 13 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Le mostre del week end, da Leonardo ai Preraffaelliti

ROMA - Il prossimo sarà un weekend ricco di sfumature, con mostre che spaziano dal genio di Leonardo al nuovo modo di concepire l'arte dei Preraffaelliti inglesi, da Maria Lai e Luigi Boille, con incursioni nel contemporaneo, come le installazioni di Plessi alle Terme di Caracalla.
    ROMA - Tre i progetti espositivi che si aprono alla Gnam - Galleria nazione d'arte moderna e contemporanea il 18 giugno, in programma fino al 29 settembre: la personale "Giuseppe Uncini.
    Realtà in equilibrio" attraverso 58 sculture e 30 disegni, datati 1957-2008, ripercorre le varie tappe del cammino dell'artista; in "Ritratto di famiglia" è la stessa Gnam a mettersi in mostra, in un racconto corale fotografico che ne restituisce la storia in modo non stereotipato; infine il progetto site specific di Andrea Mastrovito dal titolo "Very Bad Things", dedicato al complesso rapporto della donna con l'uomo e con il potere. Alle Terme di Caracalla arriva "Il segreto del tempo", opera site specific del videoartista Fabrizio Plessi composta da 12 installazioni in cui primeggiano gli elementi primordiali legati al sito archeologico capitolino. In programma dal 18 giugno al 29 settembre, la mostra inaugura anche un nuovo percorso nei sotterranei del monumento, ora fruibile al pubblico dopo un restauro. Il Maxxi ospita dal 19 giugno al 12 gennaio la retrospettiva "Maria Lai. Tenendo per mano il sole", che documenta il secondo periodo dell'artista, con le opere realizzate a partire dagli anni Sessanta. A comporre un ritratto della personalità di Maria Lai un percorso di oltre 200 lavori, tra cui libri cuciti, sculture, geografie, opere pubbliche e i suoi celebri telai. Al Casino dei Principi di Villa Torlonia si apre il 21 giugno "Luigi Boille. Luoghi di luce, scrittura del silenzio. Opere 1958-2015", prima grande antologica che Roma dedica all'artista tra i principali esponenti dell'Informale, dopo la scomparsa avvenuta nel 2015. Allestita fino al 3 novembre, la mostra presenta circa 80 opere, nelle quali protagonista è il segno e la sua evoluzione nel corso della carriera. Al Museo Carlo Bilotti "Frank Holliday in Rome", la prima personale dell'artista statunitense in un museo italiano, dal 19 giugno al 13 ottobre. Il percorso accoglie 36 opere realizzate nel soggiorno romano del 2016, durante il quale Holliday si è ispirato ai maestri della storia dell'arte. Dal 19 giugno al 20 settembre i Musei di San Salvatore in Lauro ospitano "Doppio corpo" della fotografa Veronica Gaido: in mostra immagini tratte da "Invisible Cities" e "Aphrodites", in cui l'autrice dà vita a un intenso corpo a corpo tra la figura della città e quella della donna che si intrecciano in una specie di osmosi.
    MILANO - "Leonardo in Francia. Disegni di epoca francese dal Codice Atlantico" è la mostra allestita alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana dal 18 giugno al 15 settembre, realizzata per i 500 anni dalla morte dell'artista. La rassegna si focalizza sugli ultimi anni di Leonardo, mostrando al pubblico 23 fogli dal Codice Atlantico databili al soggiorno francese di Leonardo, presso la corte di Francesco I. Ofelia di Millais, Il risveglio della coscienza di Hunt, Amore d'aprile di Hughes, la Lady of Shalott di Waterhouse: sono alcune delle opere provenienti dalla Tate Britain che compongono "Preraffaelliti.
    Amore e desiderio", allestita a Palazzo Reale dal 19 giugno al 6 ottobre. Attraverso i lavori di 18 preraffaelliti, la mostra illustra i temi principali del movimento artistico inglese di metà '800 ma anche il nuovo modo di concepire l'arte. GENOVA - A Palazzo Ducale dal 21 giugno al 22 settembre "Inge Morath. La vita. La fotografia", la prima retrospettiva italiana della fotografa che è stata la prima a entrare a far parte dell'agenzia Magnum Photos. Attraverso alcuni dei suoi scatti più celebri, il percorso racconta il rapporto di Morath con il mezzo fotografico e la sua determinazione nell'affermarsi in una disciplina prettamente maschile.
    VENEZIA - Dal 21 giugno al 22 luglio Laboratorium Venezia presenta la mostra "Agnese Cho: Fragmentation". Attraverso sculture 3D e murali l'artista riflette sull'incertezza che accompagna la vita della donna e sul ruolo frammentato nella società.
    MORESCO (Fm) - "Tenere il punto" è la personale di Renzo Marasca al Tomav Torre di Moresco Centro Arti Visive dal 22 giugno al 21 luglio. Il progetto site specific si compone di opere fragili e preziose che si relazionano con lo spazio della torre.
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X