Martedì, 10 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Cambia lo skyline di New York

NEW YORK - Il sempre mutevole skyline di Manhattan si accinge a cambiare di nuovo. Entro il 2024 l'iconico palazzo che nel 2014 aveva perso il titolo di grattacielo piu' alto dell'isola vinto da One World Trade Center (la Freedom Tower) potrebbe scendere all'11esimo posto: fuori dalla top ten. Venti nuove torri proposte o in costruzione di qui a cinque anni potrebbero entrare tra le trenta piu' alte dell'isola.

Molto dello skyline e' ancora a disposizione, l'equivalente secondo la New York Municipal Art Society di 1.300 nuovi Empire State Building. Il Roof Garden del Metropolitan e' un punto di osservazione privilegiato - in due anni sono spuntate tre nuove "matite" a fare ombra su Central Park - ma la classifica e' fluida, in continua evoluzione. Nel 2022, secondo una ricostruzione del nuovo Skyscraper Museum, la vista verso il sud del parco sarà dominata da 13 torri di cui due in costruzione e due aperte di recente. "La crescita dello skyline e' un fenomeno del 21esimo secolo", ha detto Carol Willis, la fondatrice del museo che definisce le nuove torri "tipiche di New York, e cioè super sottoli e super costose". Attualmente il grattacielo piu alto e' sempre la Freedom Tower, seguita dalla torre residenziale Central Park Tower, che in marzo ha surclassato 432 Park Avenue e raggiungerà la sua piena altezza quest'estate: 472 metri con costi stratosferici: 18 degli appartamenti costano oltre 60 milioni di dollari.

    Sempre 432 Park a fine aprile e' stato spodestato di nuovo, dopo che 111 West 57 ha raggiunto la sua piena altezza di 435 metri.
    Per gli investitori e' una situazione "win-win", ha detto al New York Times Gary Bennett, fondatore di Extell Developmen. Piu' si sale, mentre migliora la vista, aumentano anche i prezzi. Che non tutti anzi, molto pochi possono pagare.
    Le nuove torri e i loro appartamenti di lusso sono pensati con in mente investitori stranieri o super-ricchi. "Sono la manifestazione fisica dell'un per cento", ha detto al Times Richard Florida, urbanista e esperto dello Shack Institute of Real Estate della New York University.

    Per costruire cosi' alto bisogna lavorare con la burocrazia acquistando i cosiddetti diritti d'aria di palazzi vicini, ma come molte citta' americane, anche a New York le regole non sembrano prender in considerazione l'estetica di un edificio o come potrebbe bloccare la vista di altri. Questo spiega perche' un palazzo alto oltre 300 metri sia potuto sorgere accanto all'iconico Manhattan Bridge. La Extel Tower lungo l'East River ha 71 piani e 790 appartamenti e oltre all'effetto "eclissi solare" fa sembrare il ponte che collega l'isola con Dumbo a Brooklyn un giocattolino.
    C'e' comunque una spinta a frenare l'ascesa del cemento verso il cielo: in marzo la State Supreme Court ha bloccato il permesso di edificare a 200 Amsterdam Avenue nell'Upper West Side per infrazioni ai piani regolatori. In maggio poi il consiglio comunale ha approvato nuove regole che limitano l'altezza dei piani che alloggiano le attrezzature meccaniche: se piu' di 25 metri, conteranno nel computo della metratura permessa per l'edificio.
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X