Sabato, 16 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo

Torna l'acqua in fontane rampe del Poggi

FIRENZE - E' tornata a zampillare, dopo quasi un secolo, l'acqua dell'impianto idrico nelle fontane, nelle vasche e nelle grotte del sistema delle Rampe del Poggi a Firenze, opera monumentale che collega il lungarno con Piazzale Michelangelo. Nonostante la pioggia centinaia di persone hanno partecipato alla riaccensione dell'impianto alla presenza del sindaco Dario Nardella e del presidente della Fondazione Cr Firenze Umberto Tombari. Dal momento in cui è stato premuto il pulsante rosso sono trascorsi 10 minuti perché l'acqua, salutata da un fragoroso applauso e tra le note dell'Inno alla gioia di Beethoven, uscisse dalla conchiglia posta alla sommità e raggiungesse le fontane poste ai lati della Torre di San Niccolò, coprendo un dislivello di 54 metri. Rinviato per maltempo invece l'evento 'Le Rampe in Festa' che Comune e Fondazione avevano organizzato per per salutare l'importante recupero.
    Il grande restauro è stato finanziato interamente da Fondazione Cr Firenze nell'ambito del'Art bonus' e curato dal Comune di Firenze. Tutta l'operazione ha comportato un investimento complessivo di 2,5 milioni di euro. "Oggi è grande la gioia di rivedere questo complesso architettonico e monumentale tornare a funzionare come 100 anni fa - ha detto Nardella -. E di questa meraviglia ringrazio tutti coloro che ci hanno permesso di arrivare fin qui. Siamo davvero molto felici per questa giornata indimenticabile e storica". "Un intervento molto impegnativo e con non poche difficoltà - ha sottolineato Tombari - completato in soli nove mesi. Il merito va alle maestranze per l'entusiasmo e l'alta competenza dimostrata.
    Firenze ha davvero delle eccellenze senza le quali il risultato non sarebbe stato questo e in tempi così rapidi".(ANSA).
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X