Mercoledì, 22 Maggio 2019

World Press Photo, mondo allo specchio

(ANSA) - ROMA, 24 APR - Il pianto della bambina dell'Honduras che al confine tra Messico e Stati Uniti assiste alla perquisizione e all'arresto della madre da parte della polizia di frontiera. E poi, ancora in Messico, una folla di migranti in corsa verso un camion che potrà forse condurli verso un nuovo futuro. Ci sono le ferite del mondo e l'incapacità dell'umanità di curarle negli scatti di John Moore e Pieter Ten Hoopen, premiati al World Press Photo 2019 nelle sezioni Photo of the Year e Story of the Year, in mostra a Roma, in anteprima mondiale al Palazzo delle Esposizioni dal 25 aprile al 26 maggio, insieme alle altre immagini finaliste del celebre concorso. Ideata da World Press Photo Foundation di Amsterdam e organizzata dall'Azienda Speciale PalaExpo con 10b Photography, la mostra presenta gli scatti che compongono la 62esima edizione del contest di fotogiornalismo, una narrazione visiva di 140 fotografie che conducono dentro i principali fatti dello scorso anno. Tra i 43 autori presenti, anche 4 italiani premiati.
   

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X