Domenica, 02 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Terra e Gusto

Home Terra e Gusto Vino: Confagri, siccità e grandine tagliano vendemmia, -10%

Vino: Confagri, siccità e grandine tagliano vendemmia, -10%

Terra e Gusto
© ANSA

 - Giorni cruciali per il settore vitivinicolo. Se in alcune zone d'Italia la vendemmia è già in corso, eventuali piogge entro Ferragosto potrebbero essere decisive per definire l'annata 2022: siamo nel momento dell'ultima maturazione delle uve, che hanno sofferto l'estrema siccità della stagione. Sono le prime considerazioni raccolte da Confagricoltura, che concordano "su un calo generalizzato dei livelli quantitativi di almeno il 10%, più accentuato laddove ci sono state grandinate, mentre sulla qualità, mai come quest'anno si conferma determinante l'attenta gestione agronomica del vigneto".

Dal 2003, l'annata che ha segnato la svolta climatica con conseguenze evidenti sulle produzioni, spiega la Confederazione, "l'intero settore primario e il suo indotto investono affinché il comparto vitivinicolo possa affrontare senza gravi conseguenze gli effetti del cambiamento climatico. Quindi, anche di fronte a stagioni difficili come questa, la qualità non sarebbe in discussione". Inoltre la scarsità delle piogge non ha favorito la diffusione delle malattie della vite. Ma in alcune regioni si segnalano comunque fitopatie: in Piemonte, un aumento dei casi di Flavescenza Dorata e un'invasione di Popillia Japonica, al nord ; in Molise qualche episodio di oidio sulle varietà sensibili; e in Emilia Romagna fitopatie sempre più invasive.

Da Nord a Sud incide comunque l'aumento dei costi di produzione e a influire sul mercato ci saranno anche le giacenze. "In prospettiva, alla luce della situazione economica attuale, - afferma il presidente della Federazione Nazionale Vino di Confagricoltura, Federico Castellucci - è ragionevole immaginare nel medio periodo un rallentamento del mercato del vino con minori scambi in volume e valore più contenuto. I consumatori potrebbero cominciare a rallentare l'acquisto di beni non di prima necessità, come il vino, anche nella grande distribuzione organizzata".

La migliore reazione per il settore vitivinicolo italiano, secondo Confagricoltura, "è essere ancora più concentrati sui mercati di esportazione, sia europei, sia di Paesi Terzi, come Usa, Canada, ma anche del Sud Est asiatico, dove il nostro Paese è molto competitivo". (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X