Giovedì, 18 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Terra e Gusto

Home Terra e Gusto All'asta bottiglie del progetto "Vini in igloo"

All'asta bottiglie del progetto "Vini in igloo"

Terra e Gusto
All'asta bottiglie del progetto "Vini in igloo" (foto Mauro Mariotti)
© ANSA

(ANSA) - ROMA - Le bottiglie del progetto "Vini in igloo" vanno all'asta per finanziare un giovane ricercatore in attività di sviluppo e tutela dell'enogastronomia made in Italy.

Il Consorzio vini di Valle Camonica, insieme alla Cantina Bignotti e a "Unimont - Università della Montagna", sede di Edolo dell'Università degli Studi di Milano, copriranno tramite l'asta benefica i costi di una borsa di studio di un giovane ricercatore. La sperimentazione, lanciata lo scorso febbraio, ha l'obiettivo di chiarire che effetto produce in termini organolettici la scelta di effettuare l'affinamento all'interno di un igloo a 2000 metri di quota. Ora che il ghiaccio si è sciolto, le bottiglie sono pronte per essere confrontate con altre "analoghe" che hanno però effettuato l'affinamento tradizionale in cantina a fondo valle.

La vendita all'incanto sarà a Ponte di Legno il 9 luglio alle 14,30 al Corno d'Aola, nei pressi del rifugio Petit Pierre raggiungibile in seggiovia, con gli impianti Valbione e Corno d'Aola. Durante l'evento, i vini affinati in cantina potranno essere degustati in un percorso di scoperta guidato dal sommelier Roberto Spadaccini, che avrà una particolarità ulteriore: ogni calice sarà accompagnato dalla voce cristallina della cantante Kelly Joyce in quartetto, con i musicisti che insieme a lei hanno dato vita al progetto DeCanto. L'evento è a posti limitati; il biglietto può essere acquistato nelle biglietterie del comprensorio oppure sul sito pontedilegnotonale.com al costo di 50 euro. "Dalle prime indagini effettuate sembrerebbe che i campioni di vino bianco conservati in igloo abbiano un quantitativo di acidi organici superiore rispetto a quelli conservati in cantina. Si tratta di elementi responsabili dell'aroma e del sapore del vino. Possiamo quindi aspettarci un sapore differente tra i due", anticipa Davide Pedrali, tecnologo alimentare di Unimont. "Per i vini rossi abbiamo rilevato il contrario: quelli conservati in igloo avevano un contenuto di acidi organici più basso. Nessuna differenza invece è emersa per quanto riguarda i valori di acidità, pH e grado alcolico tra vini maturati in igloo ed in cantina". (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X