Giovedì, 27 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Terra e Gusto

Home Terra e Gusto Tornano a Cremona le Fiere Zootecniche Internazionali

Tornano a Cremona le Fiere Zootecniche Internazionali

Un layout espositivo completamente rinnovato, una mostra zootecnica unica in Europa con più di 470 capi in mostra dall'Italia: torna in presenza dal 26 al 28 novembre a Cremona Fiere Zootecniche, l'unica manifestazione in Italia dedicata esclusivamente all'agro-zootecnia. "Nel 2020 abbiamo fatto una proposta online per rispondere all'unico format possibile in quel periodo, ed abbiamo mantenuto vivo lo spirito di una manifestazione nata 76 anni fa. È un ritorno importante per dare nuovo impulso ad un comparto che ha molto sofferto nell'ultimo periodo - dice Roberto Biloni, presidente di CremonaFiere -. Abbiamo finalmente la possibilità di incontrarci, di toccare con mano le novità tecniche, di vedere dal vivo gli splendidi capi in mostra, è un'occasione importante che tutti noi operatori possiamo sfruttare per dare un forte segnale di vitalità".

Tra le novità di quest'anno, un nuovo layout espositivo in cui troveranno posto attrezzature e tecnologie all'avanguardia come nell'area Agrinnovation, che presenterà tutti i temi più attuali del settore. Importanti novità tecniche saranno presentate anche nella rinnovata area delle prove in campo, per la prima volta quest'anno su terra e al coperto. In fiera saranno allestite anche due mostre di mezzi agricoli storici.

Tanti gli eventi zootecnici: una mostra internazionale - l'unica in Europa quest'anno, visto anche il forfait di Swiss Expo a Ginevra - che vedrà la presenza di oltre 470 capi da 75 allevamenti italiani ed esteri e che si svolgerà in un ring completamente rinnovato, giudicata dal giudice internazionale Callum McKinven dal Canada; e l'asta internazionale, organizzata quest'anno con una nuova formula presentata dal battitore irlandese Glyn Lucas.

Quest'anno saranno più di 40 gli appuntamenti tra convegni, seminari, workshop e presentazioni. Sostenibilità ambientale, efficienza di processo, visione strategica del futuro per valorizzare tutti i livelli della filiera. "Il nostro sguardo è sempre rivolto all'internazionalizzazione - sottolinea Massimo De Bellis, direttore di CremonaFiere -. Per questo abbiamo realizzato un programma di incoming di buyer dall'estero che porterà a Cremona delegazioni da Azerbaigian, India, Moldavia, Polonia, Bielorussia, Russia, Romania, Serbia, Pakistan, Uzbekistan, Sud Africa e Ghana. Il programma di internazionalizzazione è realizzato con la collaborazione di ITA Italian Trade Agency e di Regione Lombardia. Si tratta della concretizzazione di un lavoro che portiamo avanti costantemente tutto l'anno per mettere in relazione le imprese nazionali con i mercati esteri più interessanti". 

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X