Venerdì, 21 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Terra e Gusto

Home Terra e Gusto Olio, le quattro mosse per rilanciare un settore da 3 miliardi

Olio, le quattro mosse per rilanciare un settore da 3 miliardi

Terra e Gusto
Olio, le quattro mosse per rilanciare un settore da 3 miliardi
© ANSA

ROMA - Più quantità e qualità e maggiori investimenti in ricerca e poi spingere sull'aggregazione di filiera e sulla cooperazione nel Mediterraneo. Passa da queste quattro azioni il rilancio dell'olivicoltura italiana, presentate da Cia-Agricoltori Italiani al suo primo Forum Olivicolo Nazionale a Lamezia Terme. Un evento con istituzioni, tecnici, scienziati per "rendere il settore più competitivo e connesso al territorio e al mercato".

In Italia l'ulivo è coltivato su quasi 1,2 milioni di ettari, conta 825mila aziende e 5mila frantoi; il tutto con un valore della produzione agricola di 1,3 miliardi, mentre il fatturato dell'industria olearia supera i 3 miliardi. Grandi numero per un settore che però stenta a rinnovarsi, a stare dietro a competitor come la Spagna. Tra i mali più grandi, secondo Cia, ci sono la polverizzazione del tessuto produttivo, costi alti e prezzi volatili, poca innovazione e ricambio generazionale insufficiente. A questo si aggiunge un'estrema variabilità produttiva che non fa bene al sistema. Ma il nodo cruciale è legato all'età delle piante (il 63% ha più di 50 anni) e alla bassa densità degli uliveti (il 42% ha meno di 140 piante a ettaro).

Da qui la prima azione proposta da Cia è di agevolare nuovi impianti a più alta densità e incentivare la riqualificazione di quelli esistenti per incrementare produzione e produttività degli oliveti. Secondo punto è investire in tecniche produttive e di difesa fitosanitaria, varietà autoctone più resistenti alle malattie e adattate ai cambiamenti climatici. Occorre poi rafforzare l'aggregazione e il ruolo delle Organizzazioni di Produttori, come anche, infine, rilanciare una strategia mediterranea di collaborazione tecnica con un protagonismo solidale degli agricoltori per contrastare crisi, disoccupazione e desertificazione delle zone rurali.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X