Domenica, 16 Gennaio 2022
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Specie costiere migrano su 'isole di plastica' nell'oceano

Specie costiere migrano su 'isole di plastica' nell'oceano

Scienza e Tecnica
© ANSA

(ANSA) - ROMA, 03 DIC - Specie animali tradizionalmente abituate a vivere nelle vicinanze delle coste hanno trovato il modo di sopravvivere e prosperare in mare aperto, colonizzando i grandi accumuli di rifiuti plastici che si trovano nell'oceano.

A descrivere il fenomeno è uno studio condotto da ricercatori dello Smithsonian Environmental Research Center e pubblicato su Nature Communications.

I ricercatori osservano da anni il fenomeno; soprattutto dopo lo tsunami che colpì le coste giapponesi nel 2011, quando si accorsero che decine di specie costiere avevano attraversato il Pacifico sui detriti trasportati dal mare. La permanenza in mare aperto di queste specie, però, era stata osservata di rado. Ora, i ricercatori, credono che il fenomeno si stia consolidando.

Dopo aver raccolto oltre 100 tonnellate di plastica e altri detriti dal vortice subtropicale del Pacifico settentrionale, dove i rifiuti plastici intrappolati dalle correnti hanno formato un'isola di spazzatura ampia oltre 1 milione di km, ne hanno analizzato la flora e la fauna che li aveva colonizzati, scoprendo che era popolata da decine di specie costiere.

"Finora l'oceano aperto non è stato abitabile per gli organismi costieri", ha affermato uno degli autori dello studio, Greg Ruiz. Invece la plastica ha fornito questa possibilità. Ora gli scienziati si chiedono in che modo questo nuovo ecosistema, definito neopelagico, interferirà con l'ambiente circostante.

L'arrivo di queste nuove specie potrebbe sconvolgere gli ecosistemi oceanici che sono rimasti indisturbati per millenni.

"Le specie costiere sono direttamente in competizione con quelle oceaniche: sono in competizione per lo spazio; sono in competizione per le risorse. E di queste interazioni sappiamo molto poco", ha detto la prima firmataria dello studio Linsey E.

Haram. (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X