Sabato, 04 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Campi Flegrei, ricostruiti struttura e processi della caldera

Campi Flegrei, ricostruiti struttura e processi della caldera

Scienza e Tecnica
I Campi Flegrei visti dalla Stazione Spaziale Internazionale (fonte: NASA)
© ANSA

La struttura e i processi che avvengono nella caldera del supervulcano dei Campi Flegrei sono stati ricostruiti in tempo reale, grazie alla nuova tecnica messa a punto nella ricerca condotta dall'Osservatorio Vesuviano dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv-Ov) in collaborazione con l'universita' tedesca Johannes Gutenberg di Magonza.

Pubblicata sulla rivista Nature Communications, la ricerca si e' basata sull'analisi dei dati acquisiti dalle stazioni sismiche in superficie, relativi ai movimenti dei fluidi che avvengono in profondita' . "I fluidi profondi possono indurre terremoti e per comprendere meglio i loro processi di migrazione il team di studio ha messo a punto un nuovo metodo applicato ai Campi Flegrei", dice Simona Petrosino, dell'Ingv. La tecnica, prosegue, "ha permesso di seguire i fluidi impiegando diversi intervalli temporali (da poche ore ad anni) di registrazioni del rumore sismico".

I ricercatori hanno utilizzato i dati relativi al disturbo che i movimenti dei fluidi causano sul rumore generato dagli oceani e dall'attivita' atmosferica, continuamente registrato in ambienti vulcanici. "Mare e vento - aggiunge la ricercatrice - interagiscono costantemente con la caldera, producendo onde che scandagliano le sue profondita' . Le strutture della caldera sono sottoposte a forti pressioni laterali causate dall'estensione della crosta, dalla pressione del magma in profondita' e dalla complessa interazione tra i fluidi prodotti dal magma, dalle piogge e dalle fratture superficiali del vulcano".

Le onde di rumore che penetrano nella caldera, dice ancora laPetrosino, "cambiano direzione quando vengono registrate sopra le faglie e sopra i sistemi di alimentazione del vulcano. Con la nostra ricerca abbiamo dimostrato che, mentre il cambiamento di direzione e' importante per ricostruire le strutture del vulcano, la perdita di qualunque direzionalita' e' un segnale della loro attivazione. Il rilascio di energia, infatti, e' seguito da una migrazione di fluidi che producono ulteriori sorgenti di rumore, corrompendo la nostra capacita' di ricostruire direzionalita' . Proprio la mancanza di direzionalita' ci permette di tracciare le migrazioni prima che i fluidi arrivino in superficie".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X