Domenica, 26 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Il Chiaro di Luna di Debussy è il primo Nft nello spazio VIDEO

Il Chiaro di Luna di Debussy è il primo Nft nello spazio VIDEO

Scienza e Tecnica
Sulla Stazione Spaziale la prima opera certificata Nft (fonte: NASA)
© ANSA

Nella ‘nuova’ corsa allo spazio entrano anche le case discografiche e gli Nft, i sempre più popolari ‘non-fungible token’, ossia una sorta di certificazione di paternità di un contenuto digitale, che è invece per definizione un tipo di ‘oggetto’ perfettamente riproducibile. Una speciale edizione del ‘Chiaro di Luna’ di Claude Debussy è stata inviata e riprodotta sulla Stazione Spaziale Internazionale (Iss) ed è diventata il primo brano Nft a raggiungere l’orbita terrestre.

Autori di questo primo Nft nello spazio sono stati Nanoracks, un’azienda americana nota soprattutto per le tante missioni sviluppate usando i piccoli satelliti Cubesat, e Artemis Music, un’etichetta indipendente di musica online. Le due aziende hanno unito le forze per trasmettere a bordo della Iss il noto Chiaro di Luna scritto nel 1905 da Debussy, interpretato dal pianista Wing-Chong Kam, durante un’orbita intera del pianeta. Il file del brano è stato poi rispedito a terra e certificato come NFT.

Negli ultimi mesi gli Nft hanno fatto un pieno di popolarità soprattutto per le cifre stratosferiche a cui sono stati venduti. Uno dei casi più clamorosi è stata la vendita di un’opera digitale Nft dell’artista Beeple da Christie’s per 58 milioni di euro mentre in ambito più scientifico sono da segnalare la vendita dell’NFT dei documenti relativi all’assegnazione del premio nobel James Allison per 50mila dollari e il codice sorgente del primo browser di Tim Berners-Lee, inventore del World Wide Web.

Il mercato degli Nft ha suscitato anche grandi critiche perché se è vero che da un lato sembra rappresentare una prima vera soluzione per tutelare i diritti d’autore dei contenuti immateriali dall’altro sembra sfuggire alle logiche del buon senso e provoca non pochi impatti sull’ambiente. Gli Nft si avvalgono infatti di un meccanismo informatico per molti versi simili alla blockchain delle criptovalute e per rimanere ‘aggiornati’ devono usare grandi quantità di energia sotto forma di calcoli al computer.

Resta però un fatto che il mondo degli Nft si aggiorna da oggi con la prima opera digitale protetta ad aver completato un’orbita attorno al pianeta e i suoi creatori auspicano che nel futuro molti altri artisti porteranno le loro opere anche verso la Luna, Marte e oltre.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X