Giovedì, 28 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Accordo Avio-ESA per il futuro lanciatore europeo Vega E

Accordo Avio-ESA per il futuro lanciatore europeo Vega E

Siglato l'accordo tra Avio e Agenzia Spaziale Europea per Vega E, l'evoluzione del razzo Vega che sarà più potente ed economico dei predecessori. Il contratto, da 118.8 milioni di euro, è stato firmato nella sede del centro dell'Esa in Italia, l'Esrin, dal direttore del Trasporto spaziale dell'Esa, Daniel Neuenschwander, e l'amministratore delegato di Avio, Giulio Ranzo.

Costruito negli stabilimenti di Avio a Colleferro (Roma), Vega fa parte della famiglia dei lanciatori dell'Esa e ha fatto il suo esordio nel febbraio 2012, inanellando poi una lunga serie di successi. Ma gli sviluppatori non hanno mai smesso di trasformarlo per migliorarne le prestazioni: dopo la prima evoluzione, Vega C con un nuovo primo stadio P120 a combustibile solido più potente del precedente, arriva adesso una seconda importante novità con Vega E.

E' una seconda evoluzione che porta alla sostituzione degli ultimi due stadi con un nuovo unico potente motore a combustibile liquido chiamato M10. "Lo stadio superiore di Vega-E sostituirà il motore a propellente solido Zefiro 9 di terzo stadio e il quarto stadio AVUM superiore dell'attuale configurazione Vega. Ciò avrà un effetto benefico su prestazioni e costi", ha spiegato Renato Lafranconi, responsabile dei programmi Vega dell'ESA.

I 118.8 milioni di euro del nuovo accordo "sono fondi molto importanti - ha dichiarato Ranzo - che ci permettono, a pochi mesi dal lancio di qualifica del nuovo vettore Vega C previsto nel 2022, di guardare avanti e di lavorare al rivoluzionario lanciatore Vega E che volerà nei prossimi anni e che sarà ancora più competitivo e attento alle esigenze ambientali".

Il nuovo motore M10 è frutto di innovazioni molto importanti: "viene realizzato con tecniche di additive manufactoring, quindi costi e pesi molto ridotti, è riaccendibile, quindi può mettere in orbite diverse più satelliti e in generale offre grande flessibilità, e usa metano e ossigeno per la propulsione, propellenti molto efficienti che offrono grandi vantaggi", ha detto all'ANSA Stefano Bianchi, responsabile dei programmi di volo del Trasporto Spaziale Esa.
E' ancora presto per definire una data di lancio per Vega E ma si lavora per arrivare alla fine del percorso entro il 2025 e entro fine anno test al motore saranno realizzati nel nuovo Space Propulsion Test Facility a Perdasdefogu, in Sardegna.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X