Sabato, 15 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Clima, lo scioglimento dei ghiacciai accelerato negli ultimi 20 anni

Clima, lo scioglimento dei ghiacciai accelerato negli ultimi 20 anni

Scienza e Tecnica
Il ghiacciaio Klinaklini in Canada (fonte: Brian Menounos)
© ANSA

L'alba del ventunesimo secolo è 'rovente' per i ghiacciai di tutto il mondo: negli ultimi 20 anni il loro scioglimento è accelerato su scala globale, e ha contribuito per quasi un quinto dell'innalzamento del livello dei mari. In media sono state perse 267 gigatonnellate (miliardi di tonnellate) di ghiaccio all'anno, con un'impennata del 130% tra il 2000 e il 2019. A descrivere il fenomeno con un'accuratezza senza precedenti sono le nuove misurazioni ad altissima precisione di oltre 217.000 ghiacciai del mondo, praticamente tutti gli esistenti escluse le calotte di Groenlandia e Antartide. La loro mappatura in HD, pubblicata su Nature da un team internazionale guidato dall'Università di Tolosa, permetterà di migliorare i modelli sul cambiamento climatico con cui prevedere gli scenari futuri e sviluppare nuove strategie per lo sfruttamento delle risorse idriche e la mitigazione dell'innalzamento dei mari.

“Questo studio ha ridotto notevolmente i margini di incertezza presenti negli studi precedenti così come nell'ultimo rapporto del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC) del 2019”, commenta Massimo Frezzotti, glaciologo dell'Università di Roma Tre e presidente del Comitato glaciologico italiano. “Grazie alle immagini aeree e satellitari, è stato possibile misurare le variazioni di spessore di quasi tutti i ghiacciai mondiali, e non solo di quelle poche centinaia che vengono solitamente monitorati perché più facilmente accessibili”. I risultati ottenuti sono in linea con quelli di studi precedenti, ma molto più precisi: “per questo permettono di capire meglio le correlazioni con le condizioni climatiche e ambientali”, sottolinea il glaciologo. E' un po' come sfregarsi gli occhi e riuscire finalmente a mettere a fuoco dettagli mai colti prima.

“I dati indicano che attualmente i ghiacciai stanno cedendo più acqua rispetto alle grandi calotte polari, anche se queste ultime (che contengono maggiori quantità di acqua) stanno accelerando molto più in fretta: la Groenlandia dal 2000 a oggi ha aumentato la perdita di ghiaccio del 162%, mentre l'Antartide del 436%”, ricorda l'esperto.

I ghiacciai presenti in Alaska e nelle Ande sono quelli che negli ultimi vent'anni hanno registrato le maggiori perdite, mentre i ghiacciai alpini detengono il primato mondiale per quanto riguarda la riduzione dello spessore medio, pari a circa un metro all'anno. “Un dato che non sorprende – dice Frezzotti – considerato che dall'inizio del ventesimo secolo i ghiacciai alpini si sono ridotti di oltre il 60%”.

E' evidente che “stiamo perdendo un grande patrimonio ambientale ed economico, con gravi implicazioni per molte popolazioni del mondo. La fusione dei ghiacciai – spiega l'esperto – comporta la perdita di importanti serbatoi d'acqua in grado di aiutare l'agricoltura e l'industria tamponando la scarsità delle precipitazioni nei periodi di secca. Inoltre l'acqua di fusione finisce nei mari, che si stanno innalzando di 3,5 millimetri all'anno: un problema non solo per città come Venezia, ma anche per quell'11% della popolazione mondiale che abita in zone costiere che rischiano di essere sommerse”.

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X