Mercoledì, 03 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica L'evoluzione dei mammut nel Dna più antico mai sequenziato

L'evoluzione dei mammut nel Dna più antico mai sequenziato

Scienza e Tecnica
Ricostruzione dei mammut delle steppe, antenati di quelli lanosi (fonte: Beth Zaiken/CPG)
© ANSA

Risale a oltre un milione di anni fa il Dna più antico mai sequenziato: estratto da denti di mammut conservati nel permafrost siberiano, rivela l'evoluzione di questi imponenti mammiferi preistorici, mostrando il loro lento adattamento al freddo e indicando l'esistenza di una specie misteriosa mai identificata prima. Il risultato è pubblicato sulla rivista Nature da un gruppo di ricerca internazionale guidato dal Centro di paleogenetica dell'Università di Stoccolma.

Lo studio ha preso in esame il Dna prelevato dai molari di tre esemplari di mammut: il più recente risale a 870.000 anni fa, mentre i due più antichi sarebbero vissuti rispettivamente 1,65 e 1,34 milioni di anni fa. “I campioni sono mille volte più antichi dei resti dei vichinghi e sono addirittura precedenti alla comparsa degli umani e dei Neanderthal”, precisa l'esperto di genetica evolutiva Love Dalén. Analizzarli è stato come fare un incredibile tuffo nel passato, considerato che finora il Dna più antico sequenziato era quello di un cavallo vissuto tra 560.000 e 780.000 anni fa.

L'estrazione del materiale genetico dai denti di mammut non è stata facile: nei campioni erano infatti presenti solo piccole quantità di Dna, degradato in minuscoli frammenti. La fatica è stata comunque premiata, visti i risultati delle analisi. Il mammut più antico (chiamato 'Krestovka' dal nome della località in cui è stato trovato) potrebbe infatti appartenere a una linea evolutiva sconosciuta che sarebbe convissuta con i mammut delle steppe, finora considerati gli unici esistenti in quel periodo in Siberia. I misteriosi mammut avrebbero perfino colonizzato il Nord America 1,5 milioni di anni fa: dall'incrocio coi mammut lanosi sarebbero poi nati i mammut columbiani.

Un altro elemento interessante emerge dalle analisi sul secondo esemplare di mammut più antico, chiamato 'Adycha': era infatti un antenato del mammut lanoso e nel genoma presentava già i geni necessari per sopravvivere al rigido clima dell'Artico, un adattamento che dunque si sarebbe sviluppato gradualmente nel tempo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X