Mercoledì, 03 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Ingv, il parossismo dell'Etna non è un evento eccezionale

Ingv, il parossismo dell'Etna non è un evento eccezionale

L'episodio parossistico sull'Etna "non è stato eccezionale, ce ne sono stati centinaia negli ultimi decenni: 66 del 2000 e una cinquantina circa negli anni 2011-2013". Lo afferma il vulcanologo dell'Ingv-Oe di Catania, Boris Behncke, sulla propria Facebook, commentando la violenta e spettacolare fase eruttiva di ieri del vulcano attivo più alto d'Europa. "

Non è nemmeno stato il più intenso: le fontane di lava hanno magari raggiunto 500 metri di altezza sopra il cratere di Sud-Est", spiega il ricercatore, ricordando che "il 3 dicembre 2015 i getti incandescenti della Voragine hanno raggiunto fino a 3.000 metri di altezza". Behncke ricorda che l'Etna è un vulcano attivo e che è quindi ovvio attendersi, "un giorno, una nuova eruzione laterale".

"Se avviene a quote alte in un settore remoto - sottolinea - non ci saranno problemi. Se avviene a quote basse in un settore densamente popolato, sarà un grosso problema. Ma non sarà niente di straordinario, perché l'Etna queste cose le ha sempre fatte e le farà sempre". Il ricercatore ribadisce anche che la fase parossistica di ieri "non ha alcun rapporto con i terremoti". E' vero, precisa, che siamo "in zona sismica, con alto rischio sismico, a prescindere, ma questa attività non c'entra con i terremoti: siamo in zona sismica e il rischio sismico è quello di sempre". (ANSA).

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X