Sabato, 06 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Coronavirus, finora oltre 200 mutazioni sulla proteina Spike

Coronavirus, finora oltre 200 mutazioni sulla proteina Spike

Scienza e Tecnica
Particelle di coronavirus viste al microscopio eletttronico (fonte: NIAID)
© ANSA

Sono 222 le mutazioni finora identificate sulla proteina Spike, l'arma utilizzata dal virus SarsCoV2 per aggredire le cellule umane, e sono circa 94 quelle del rivestimento del virus: "L'elevata variabilità riscontrata negli isolati del virus SarsCoV2 rende necessario farci capire se tali varianti abbiano un ruolo nella patogenicità del virus, sia per meglio comprendere i meccanismi di infezione che per favorire lo sviluppo di nuove terapie e vaccini", ha detto all'ANSA Ettore Capoluongo, ordinario di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica dell'Università Federico II di Napoli, membro della Task Force Covid19 del Ceinge-Biotecnologie avanzate di Napoli e componente del gruppo di esperti Expamed (Expert panel on medical devices and in vitro diagnostics) della Commissione Europea. In generale, la replicazione del materiale genetico del virus, l'Rna, "è circa mille volte più soggetta ad errori rispetto a quella del Dna per la mancanza di meccanismi di correzione". Per questo i coronavirus cambiano continuamente le loro strutture tramite varianti generate da fenomeni di mutazione, delezione e/o inserzione". La regione del genoma è il recettore Rbd, la chiave molecolare con cui la proteina Spike cerca di penetrare nelle cellule. "La maggiore frequenza di varianti nel dominio Rbd della proteina Spike indicherebbe che esso è molto variabile in quanto responsabile del legame al recettore cellulare dell'ospite", osserva l'esperto. L'accumulo delle mutazioni durante i focolai stagionali aiutano il virus a sopravvivere grazie al processo di selezione naturale, come avviene per i virus influenzali. Per questo, secondo l'esperto, "è necessario monitorare le mutazioni nel genoma del virus nella proteina Spike che ha direttamente un ruolo nel legare e infettare la cellula".

 

L'esperto, la sfida è capire l'effetto delle varianti

Mentre si allunga la lista delle varianti del virus SarsCoV2 in circolazione ci si domanda quale effetto potranno avere sui vaccini: "è una delle maggiori sfide cui la comunità scientifica è chiamata a rispondere", ha detto all'ANSA Ettore Capoluongo, ordinario di Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica dell'Università Federico II di Napoli, membro della Task Force Covid19 del Ceinge-Biotecnologie avanzate di Napoli e componente del gruppo di esperti Expamed (Expert panel on medical devices and in vitro diagnostics) della Commissione Europea. Lo sviluppo dei vaccini si basa principalmente sulla proteina Spike, l'arpione molecolare che il virus utilizza per agganciare le cellule umane e penetrare al loro interno. Questo accade, osserva l'esperto, per indurre la produzione di anticorpi con la Spike, o altre proteine di superficie, in modo da neutralizzare il virus. Per questo motivo è importante individuare le varianti, ma "è indubbio come finora, anche in Italia, gli sforzi destinati all'analisi di sequenziamento del virus SarsCoV2 non abbiano seguito programmi sistematici e strutturati di tracciabilità dell'evoluzione del virus sui campioni biologici analizzati nelle diverse aree del Paese: abbiamo effettuato milioni di tamponi in Italia, con un numero limitato di sequenziamenti" e "gli sforzi profusi finora per il sequenziamento, probabilmente, sottostimano l'emergere di varianti SarsCoV2, limitando l'inquadramento complessivo dell'evoluzione molecolare della pandemia di Covid-19".

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X