Sabato, 23 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Terremoti, in Italia nel 2020 in media 45 al giorno, uno ogni mezz’ora

Terremoti, in Italia nel 2020 in media 45 al giorno, uno ogni mezz’ora

Scienza e Tecnica
La mappa dei terremoti del 2020 in Italia e nelle zone limitrofe, in media 45 al giorno. (fonte: INGV)
© ANSA

Sono stati in media 45 al giorno, all’incirca uno ogni mezz’ora, i terremoti registrati nel 2020 dalla rete sismica nazionale sul territorio italiano e nelle zone limitrofe: il numero complessivo è di 16.597, simile a quello dell’anno precedente. Lo rende noto l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv).

“Nonostante la grave crisi sanitaria, la sorveglianza sismica effettuata dall’Ingv nel 2020 non si è fermata neanche un secondo”, sottolinea il presidente dell’Ingv, Carlo Doglioni. L’Ingv ha pubblicato on line sul blog ‘Ingv terremoti’ uno speciale in cui è possibile documentarsi sui diversi eventi sismici attraverso mappe interattive e infografiche.

“Nella mappa - precisa Alessandro Amato, sismologo dell’Ingv - si evidenzia come anche nel 2020 i più forti terremoti siano stati localizzati al di fuori del territorio italiano. Gli eventi sismici di magnitudo pari o superiore a 5.0 - precisa l’esperto - sono, infatti, avvenuti in Albania, in Algeria e in Croazia, durante la sequenza sismica di fine dicembre con il forte terremoto di magnitudo 6.3 del 29 dicembre, nei pressi della città croata di Petrinja”.

La Sardegna, spiega l’Ingv, si conferma la regione italiana con il minor numero di terremoti, appena 4 in tutto il 2020, contando anche le aree marine intorno all’isola. Il primo terremoto del 2020 si è verificato l’1 gennaio 2020 a Sefro (Macerata), solo un minuto e mezzo dopo lo scoccare della mezzanotte. L’ultimo, invece, è del 31 dicembre 2020 alle 23:41 a Ragalna (Catania), entrambi con una magnitudo inferiore a 2.0.

Per Maurizio Pignone, geologo dell’Ingv, “quasi il 90% dei terremoti localizzati in Italia nel 2020 ha avuto magnitudo minore di 2.0 e, probabilmente, non è stato avvertito dalla popolazione, a parte quelli con ipocentro molto superficiale e in prossimità di aree abitate, come nelle aree vulcaniche della Campania. La maggior parte dei terremoti - conclude - è legata a sequenze sismiche avvenute in Italia nel 2020. Altri, invece, sono considerati eventi isolati, come il terremoto a Milano del 17 dicembre, di magnitudo 3.8”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X