Sabato, 31 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Scoperti i primi pianeti super-abitabili

Scoperti i primi pianeti super-abitabili

Scienza e Tecnica
Rappresentazione artistica di uno dei pianeti esterni al Sistema Solare particolarmente adatti a ospitare la vita (fonte: NASA Ames/SETI Institute/JPL-Caltech)
© ANSA

Fuori dal Sistema Solare c'è un piccolo gruppo di pianeti 'superabitabili', vale a dire che hanno caratteristiche favorevoli alla vita superiori a quelle della Terra. Sono una ventina e sono distanti oltre cento anni luce. Il risultato, pubblicato sulla rivista Astrobiology, si deve alla collaborazione fra l'americana Washington State University e l'Universita' Tecnica di Berlino.

I pianeti si trovano nella cosiddetta zona abitabile della loro stella, ossia a una distanza dal loro Sole tale che l'acqua puo' trovarsi allo stadio liquido. Tutti sono un po' piu' vecchi, piu' grandi, leggermente piu' caldi e umidi della Terra. I ricercatori, coordinati da Dirk Schulze-Makuch, dell'Universita' Tecnica di Berlino, li hanno individuati dopo avere analizzato 4.500 pianeti esterni al Sistema Solare finora noti. Nella ricerca si sono concentrati sui pianeti che ruotano intorno alle cosiddette stelle nane K, stelle un po' piu' fredde, meno massive e meno luminose del Sole, ma che hanno il vantaggio di vivere piu' a lungo del nostro Sole, fino a 70 miliardi di anni.

Cio' consentirebbe ai pianeti che ruotano intorno a esse di avere piu' tempo per permettere alla vita di evolversi. Anche le dimensioni contano: i pianeti individuati sono il 10% piu' grandi della Terra e cio' significa avere piu' superficie abitabile. Inoltre i ricercatori hanno cercato i mondi alieni che potrebbero avere molta acqua ed essere leggermente piu' caldi della Terra perche' una temperatura media di circa 5 gradi maggiore della Terra, insieme all'umidita' , sarebbe piu' favorevole alla vita.

Secondo Schulze-Makuch lo studio potrebbe aiutare a concentrare gli sforzi di osservazione con i futuri telescopi spaziali, come James Webb Space Telescope della Nasa e Plato dell'Agenzia spaziale europea (Esa). "Con i prossimi telescopi spaziali - ha detto - avremo la possibilita' di ottenere piu' informazioni, quindi e' importante selezionare alcuni obiettivi".

"Dobbiamo concentrarci - ha aggiunto - sui pianeti che hanno le condizioni piu' promettenti per una vita complessa. Tuttavia, dobbiamo stare attenti a non rimanere bloccati alla ricerca di una seconda Terra perche' potrebbero esserci pianeti che potrebbero essere addirittura piu' adatti alla vita, rispetto al nostro".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X