Lunedì, 03 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Marte, partita la nuova missione della Nasa VIDEO

Marte, partita la nuova missione della Nasa VIDEO

Lanciata la missione Mars 2020 della Nasa, la terza diretta a Marte partita negli ultimi dieci giorni dopo quelle degli Emirati Arabi e della Cina. Il lancio è avvenuto dalla base dell'Aeronautica Usa a Cape Canaveral con un razzo Atlas 5 e porta verso Marte Perseverance, il quinto rover della Nasa a posarsi sul pianeta rosso, questa volta per fare da apripista alle future missioni con astronauti e per cercare tracce di vita passata o forse presente.

"E' la prima volta nella sua storia che la Nasa dedicato una missione all'astrobiologia", la ricerca della vita su altri mondi, ha rilevato l'amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine. Oltre cercare le firme della vita passata o presente, "il rover Perseverance raccoglierà campioni di rocce marziane che dovranno essere portati a Terra da una futura missione", ha osservato il responsabile della missione Adam Steltzner, del Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa.

Qualche problema dopo il lancio, veicolo in 'modalità sicura'
Una differenza di temperatura imprevista e presto risolta, che non sembra quindi compromettere la missione, ha costretto la sonda della Nasa diretta a Marte, Mars 2020, a volare in 'modalità sicura'. Sono stati cioè disattivati tutti i sistemi non essenziali e mantenuti esclusivamente i sistemi indispensabili alla navigazione. Lo ha reso noto la Nasa dopo la conferenza stampa seguita al lancio della missione, che porta su Marte il rover Perseverance. "I dati indicano che il veicolo spaziale era entrato in uno stato noto come modalità sicura, probabilmente perché una parte della sonda era un po' più fredda del previsto mentre si trovata nell'ombra della Terra", hanno detto i funzionari della Nasa. "Tutte le temperature sono ora nominali e il veicolo è fuori dall'ombra della Terra".

I tecnici della Nasa hanno inoltre comunicato che è stato anche risolto un problema di comunicazione avvenuto nelle prime ore dopo il lancio: il segnale del veicolo veniva ricevuto, ma non elaborato in modo corretto. Una situazione che non ha destato preoccupazione, ha detto vicedirettore del progetto Mars 2020 Matt Wallace, del Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa. Il problema di comunicazione è avvenuto perché il sistema che riceve i segnali della sonda, chiamato Deep Space Network ha antenne estremamente sensibili, al punto che i segnali di un veicolo ancora così vicino alla Terra possono far saltare il sistema.

Per chiudere la lista delle disavventure di Perseverance, un terremoto di magnitudo 4,2 è avvenuto in California, disturbando non poco tecnici del Jpl che da lì seguivano il lancio, avvenuto in Florida, a Cape Canaveral.

I compiti di Perseverance
A bordo del rover Perseverance c'è lo strumento Sherloc (Scanning Habitable Environments with Raman & Luminescence for Organics & Chemicals) che avrà l'obiettivo di testare i campioni dei nuovi materiali. Quelli destinati alle tute, per esempio, sono pensati per proteggere gli astronauti dalle radiazioni, ha detto Amy Ross, progettista di tute spaziali presso il Johnson Space Center della Nasa; il materiale trasparente per la visiera del casco è stato invece progettato per deformarsi senza rompersi, in caso di urti, e per schermare gli occhi dalla luce ultravioletta.

I materiali che saranno testati sono un campione di policarbonato per il casco e un mix di fibre resistenti al fuoco, impermeabili ma traspiranti e super resistenti; a bordo ci sono inoltre campioni di Vectran e Teflon, attualmente utilizzati per i guanti degli astronauti impegnati nelle passeggiate spaziali.

La missione Mars2020 sarà anche la prima che raccoglierà campioni da portare sulla Terra grazie a una futura missione in collaborazione con l'Agenzia Spaziale Europea (Esa). Se tutto andrà come previsto, nel 2026 Nasa ed Esa potrebbero lanciare una missione nella quale un rover europeo si occuperà di recuperare i campioni e di caricarli su un razzo americano progettato per rilasciare i campioni nello spazio, dove una sonda dell'Esa dovrebbe recuperarli e portarli a Terra nel 2031.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X