Sabato, 22 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica Un cocktail cosmico agita gli ammassi di galassie

Un cocktail cosmico agita gli ammassi di galassie

Un enorme cocktail cosmico: suggerisce questa immagine il movimento dei gas che emerge dalla prima mappa degli ammassi di galassie mai ottenuta, grazie alle immagini catturate ai raggi X dal telescopio spaziale Xmm Newton dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa). La mappa, che permettera' di studiare come nascono e si evolvono queste gigantesche strutture in cui si accendono le stelle, e' stata pubblicata sulla rivista Astronomy & Astrophyiscs dal gruppo dell'Istituto tedesco Max Planck per la Fisica extraterrestre guidato da Jeremy Sanders. Ha partecipato alla ricerca Ciro Pinto, dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) di Palermo.

 


Da sinistra: simulazione di luminosità, temperatura e velocità del gas dell’ammasso di galassie di Perseo, visto ai raggi X (fonte:J. Zuhone, Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics)

Gli astronomi hanno studiato in particolare gli ammassi di galassie vicini Perseo e Chioma, tra le strutture piu' massicce e luminose del cosmo. "Abbiamo mappato per la prima volta il movimento del gas caldo, in allontanamento e avvicinamento rispetto a noi, e calcolato la sua velocita'", ha detto Sanders. "Previsti dalle teorie, questi moti turbolenti - ha aggiunto - non erano mai stati osservati prima nel cosmo". Secondo i ricercatori il movimento dei gas puo' durare anche milioni di anni ed e' innescato da collisioni cosmiche tra sottogruppi di galassie nell'ammasso, proprio come in un gigantesco cocktail shakerato.

Gli ammassi di galassie sono "i piu' grandi sistemi cosmici legati insieme dalla gravita'", spiega Pinto. Un ammasso puo' contenere infatti "centinaia o migliaia di galassie e grandi quantita' di gas caldo, che puo' raggiungere temperature fino a 50 milioni di gradi e brillare intensamente ai raggi X. Maggiori informazioni su queste radiazioni - conclude - saranno disponibili nel prossimo decennio, quando entrera' in funzione il nuovo satellite europeo a raggi X, Athena (Advanced Telescope for High-ENergy Astrophysics)".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X