Lunedì, 23 Settembre 2019

I Tropici sono un'insospettabile fonte di anidride carbonica

Scienza e Tecnica
Nell'Africa tropicale il cattivo sfruttamento del suolo libera nell'atmosfera più CO2 del previsto (fonte: Pixabay)
© ANSA

Si affaccia un nuovo protagonista sulla scena dei responsabili delle emissioni di anidride carbonica: è l'Africa tropicale settentrionale, che ne produce molto più del previsto: lo rileva lo studio dell'università di Edimburgo pubblicato sulla rivista Nature Communications. 

I tropici costituiscono dunque una fonte di gas serra finora insospettata. Gli ecosistemi terrestri in queste aree conservano nelle piante e nel suolo vaste riserve di carbonio, il cui destino è stato finora difficile da prevedere per via delle poche misure fatte in questa regione. Ma una risposta arriva ora dal gruppo di ricerca guidato da Paul Palmer, che ha utilizzato le osservazioni fatte dai satelliti Gosat (Greenhouse gases Observing SATellite) e Oco2 (Orbiting Carbon Observatory), entrambi della Nasa, per ricostruire la mappa dell'andamento stagionale delle emissioni di anidride carbonica (CO2) nei tropici tra il 2009 e 2017. E' emerso così che anche l'Africa tropicale, in particolare il bacino del Congo e l'Etiopia occidentale, emette circa 1.250 miliardi di chilogrammi di carbonio all'anno, una quantità molto maggiore del previsto.

Secondo gli studiosi il fenomeno è dovuto alla progressiva degradazione del terreno, che facilita la liberazione nell'atmosfera della CO2 intrappolata nel suolo. Ciò significa che, anche sulla base anche di questi risultati, vanno riviste le strategie di mitigazione del cambiamento climatico, come gli accordi di Parigi che si affidano agli  'assorbitori' naturali di CO2 per raggiungere gli obiettivi prefissati. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X