Mercoledì, 01 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Scienza e Tecnica

Home Scienza e Tecnica L'elettronica flessibile si ispira alle piante acquatiche

L'elettronica flessibile si ispira alle piante acquatiche

Scienza e Tecnica
L'elettronica flessibile si ispira alle piante acquatiche (fonte: Cultivar 413, Flickr)
© ANSA

Gli steli delle piante acquatiche, sinuosi e resistenti al vento, diventano fonte di ispirazione per nuovi materiali versatili e ultra-leggeri con cui realizzare dispositivi elettronici flessibili, come tablet pieghevoli e sensori indossabili. Ad aprire questa nuova strada sono i ricercatori dell'università di Zhejiang, in Cina, con uno studio pubblicato sulla rivista ACS Nano.

Affascinati dalla flessibilità e dalla resistenza degli arbusti formati a pelo d'acqua dalla pianta erbacea Thalia dealbata, i ricercatori hanno tentato di riprodurre in laboratorio la microstruttura dei suoi steli. Hanno così ottenuto un materiale sintetico poroso e ultra-leggero, chiamato aerogel, fatto a base di grafene, il 'materiale delle meraviglie' formato da un solo strato di atomi di carbonio, ottimo conduttore flessibile e resistente. L'aerogel al grafene è stato quindi lavorato attraverso una speciale tecnica di congelamento bidirezionale che ha permesso di ottenere un'architettura simile allo stelo della pianta acquatica.

Durante i primi test, il materiale ha dimostrato di sopportare carichi pari a 6.000 volte il suo peso, mantenendosi forte e resistente anche dopo una compressione molto intensa. Inserito in un circuito con un Led, l'aerogel ha dimostrato di poter essere impiegato come componente in un dispositivo elettronico flessibile.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X