Martedì, 28 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Salute e Benessere

Home Salute e Benessere Sanità: via libera Regione, ospedale Bordighera gestito da Iclas

Sanità: via libera Regione, ospedale Bordighera gestito da Iclas

Salute e Benessere
© ANSA

(ANSA) - GENOVA, 23 GIU - La giunta regionale ha approvato la delibera che dà il via libera alla firma del contratto con Iclas per l'ospedale Saint Charles di Bordighera (Imperia).
    "Abbiamo recepito in giunta il contratto come approvato in sede tecnica. È un atto vincolante per Asl1 che sarà tenuta a firmare il contratto di affidamento del presidio ospedaliero.
    Abbiamo davanti 5 mesi di affiancamento tra Asl1 e Iclas: l'obiettivo è che dall'1 gennaio 2023 l'ospedale sia completamente gestito da Gvm Care & Research, in convenzione con il sistema sanitario regionale e con le prestazioni stabilite nel contratto, dall'attività operatoria al pronto soccorso con tutto quanto era previsto". Così il presidente della Regione Liguria in merito alla delibera sull'ospedale Saint Charles di Bordighera approvata dalla Giunta.
    "Penso che Bordighera possa costituire un presidio importante per tutto il ponente: ci 'sposiamo' - ha sottolineato Toti - con uno dei più importanti gruppi a livello nazionale, che in Liguria è già operativo a Rapallo con una struttura di assoluta eccellenza nella cardiochirurgia, convenzionata con il sistema sanitario regionale".
    Due giorni fa il direttore generale della Asl 1 Silvio Falco, contrario all'affidamento della gestione ai privati, si era dimesso "per motivi personali". "Credo siano state inopportune e inappropriate alcune speculazioni che ho letto in questi giorni sui giornali. Ho parlato a lungo con Falco - ha detto il governatore - e mi ha ribadito le ragioni personali della sua scelta". Falco rimarrà per l'ordinaria amministrazione fino al 16 agosto poi entrerà in servizio il nuovo direttore generale.
    "Vogliamo che l'ospedale - ha spiegato l'amministratore delegato di Iclas Mazzantini - risponda alle necessità del territorio e credo sia necessario ascoltare il territorio, i sindaci, i medici di medicina generale, le pubbliche assistenze, i colleghi degli ospedali con cui collaboreremo in modo stretto.
    Agiremo in modo da non farvi rimpiangere la scelta fatta: poi vorrei che i fatti dimostrino appieno le nostre capacità e competenze". (ANSA).
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X