Lunedì, 08 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Salute e Benessere

Home Salute e Benessere Disabilità: Bartoli, una casa per chi non vede e non sente

Disabilità: Bartoli, una casa per chi non vede e non sente

"Il nuovo Centro Nazionale, la casa per il futuro delle persone sordocieche è un sogno che si sta realizzando, qui ad Osimo. Daremo una prospettiva migliore alle persone sordocieche e alle loro famiglie". Così Rossano Bartoli, presidente della Lega del Filo d'Oro, spiega il progetto del nuovo Centro Nazionale di Osimo, dove si sta completando il secondo lotto che darà vita, tra i tanti servizi aggiuntivi a persone affette da gravi disabilità, anche ad una casa per il futuro delle persone che non vedono e non sentono con 14 appartamenti dove potranno vivere. Nato anche per offrire un’accoglienza stabile alle persone adulte sordocieche e rispondere alla domanda impellente dei genitori sul 'dopo di noi'. Da tempo avevamo desiderio di creare ad Osimo un Centro, punto di riferimento nazionale, realizzato su misura per le esigenze delle persone sordocieche – continua Bartoli -.

Ad oggi sono funzionanti già, nel primo lotto, il centro diagnostico, il centro per i trattamenti intensivi di breve durata, i ricoveri del centro diurno, attività di ricerca e di formazione. Con il secondo lotto completiamo il percorso, diamo una prospettiva con 14 appartamenti, ciascuno dei quali per 4 ospiti e dove ognuno avrà una propria camera e un proprio bagno. Daremo una risposta significativa in termini numerici perché il progetto nasce per assolvere un ad impegno preciso, quello di dare massima dignità di vita e massima opportunità perché queste persone con pluriminorazioni possano essere autonome". Per portare a termine il progetto è partita in questi giorni una campagna di raccolta fondi. Le iniziative di fundraising per questo obiettivo vanno avanti da anni . "I fondi raccolti per il nuovo Centro Nazionale – osserva Bartoli –, sono il frutto di lasciti testamentari, varie iniziative e donazione del 5 per mille. Ora l'ultimo appello lanciato da Neri Marcorè che da diversi anni appartiene alla famiglia della Lega del Filo d'Oro insieme a Renzo Arbore.

Chiediamo un ultimo sostegno per la realizzazione del Centro nazionale". La campagna si chiama #nataleconilcuore e si può aderire con una donazione andando sul sito nataleconilcuore.it o chiamando il numero verde 800989868. L'esperienza di Bartoli con i sordociechi è iniziata nel 1968, quando appena 18enne ha iniziato a fare volontariato in un soggiorno estivo. Da lì il coinvolgimento è stato sempre maggiore. "Una vita piena di impegno – dice – ma anche di soddisfazioni".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X