Venerdì, 03 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Salute e Benessere

Home Salute e Benessere Vaccino, Parlamento Ue chiede politiche più trasparenti

Vaccino, Parlamento Ue chiede politiche più trasparenti

BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) – Secondo il Parlamento Europeo, le decisioni sullo sviluppo, l’acquisto e la distribuzione dei vaccini nell’UE devono diventare più trasparenti.In una risoluzione adottata con 458 voti favorevoli, 149 contrari e 86 astensioni, gli eurodeputati chiedono una legislazione per rendere più trasparente il processo di ricerca, acquisto e distribuzione dei vaccini contro il

BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) - Secondo il Parlamento Europeo, le decisioni sullo sviluppo, l'acquisto e la distribuzione dei vaccini nell'UE devono diventare più trasparenti.
In una risoluzione adottata con 458 voti favorevoli, 149 contrari e 86 astensioni, gli eurodeputati chiedono una legislazione per rendere più trasparente il processo di ricerca, acquisto e distribuzione dei vaccini contro il COVID-19. Ciò consentirebbe ai deputati di verificare in maniera più efficace le politiche UE sui vaccini. Allo stesso tempo, la Commissione dovrebbe discutere di queste politiche più apertamente con i cittadini.
Per aumentare il livello di trasparenza, i deputati chiedono che la Commissione renda pubbliche le informazioni su chi si occupa di acquistare i vaccini per suo conto. Dovrebbe pubblicare i contratti di acquisto fatti con i fornitori, compresi i dettagli degli investimenti pubblici e i costi dei vaccini e rendere note tutte le potenziali violazioni dei contratti. La diffusione di un maggior numero di informazioni contribuirebbe a contrastare lo scetticismo e la disinformazione sui vaccini. Inoltre, le aziende farmaceutiche dovrebbero rilasciare i dati e le relazioni relativi ai test clinici effettuati.
Gli eurodeputati vogliono che i futuri contratti sui vaccini dell'UE consentano di aumentare la disponibilità di vaccini in tutto il mondo, considerati un bene pubblico globale a vantaggio di tutti. L'UE dovrebbe aiutare i paesi non UE a combattere il COVID-19 e ad accelerare le vaccinazioni, superando i vincoli di produzione. Le aziende, per esempio, potrebbero trasferire la loro tecnologia in quei paesi (attraverso il COVID-19 Technology Access Pool dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, o C-TAP), mentre gli stati europei potrebbero contribuire in misura maggiore allo schema COVAX. L'UE dovrebbe anche sviluppare una strategia pubblica globale sui vaccini per promuovere una distribuzione equa in tutto il mondo.
"La strategia UE per i vaccini COVID-19 è il giusto approccio per combattere la pandemia COVID-19. Tuttavia, le petizioni mostrano che alcuni cittadini sono riluttanti alle vaccinazioni. Questo è il motivo per cui dobbiamo essere trasparenti su come i vaccini COVID-19 sono sviluppati, acquistati e distribuiti - ha detto la presidente della Commissione parlamentare petizioni Dolors Montserrat (PPE) -. Affinchè la strategia abbia successo, il pubblico deve ricevere più informazioni. Ciò aumenterà la sua fiducia nei vaccini e nell'investimento dell'Unione che ci ha portato i vaccini in tempo record, gratis per tutti i cittadini dell'UE".
(ITALPRESS).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X