Lunedì, 19 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Salute e Benessere

Home Salute e Benessere Da telemedicina a gestione farmaci, Janssen punta su digitale

Da telemedicina a gestione farmaci, Janssen punta su digitale

Salute e Benessere
Massimo Scaccabarozzi, amministratore delegato Janssen Italia
© ANSA

"Gli strumenti digitali e la tecnologia possono aiutare le persone a cambiare il proprio stile di vita e a gestire meglio la malattia", oltre "a permettere ai medici di ottenere un ampio numero di dati e informazioni utili". Il loro utilizzo in sanità, dalla telemedicina alla gestione dei farmaci, ha visto un'accelerazione con la pandemia Covid-19 e rappresenta una chiave su cui puntare per la sanità del futuro. A spiegarlo è stato Massimo Scaccabarozzi, presidente e amministratore delegato di Janssen Italia, durante l'evento trasmesso su Ansa.it "I cantieri della Sanità del futuro". Nell'ambito digitale, spiega Scaccabarozzi, "in Janssen abbiamo già attivato una serie di progetti che vanno proprio in quest'ottica, come JCare, dedicato agli specialisti oncologi, urologi e radioterapisti per facilitare l'utilizzo della telemedicina, fornendo un servizio di video-visita così da garantire la continuità assistenziale dei pazienti con carcinoma prostatico, bisognosi di continuo monitoraggio. Il servizio permette anche il monitoraggio quotidiano dei sintomi e dei parametri per malati Covid-19". Si chiama invece Janssen Genia la piattaforma che grazie ad un software di Intelligenza Artificiale è in grado, con semplici comandi vocali, di fornire ai farmacisti ospedalieri informazioni preziose e costantemente aggiornate per la gestione dei farmaci. Il servizio è disponibile in 12 regioni ed è già utilizzato in 150 strutture ospedaliere. Janssen ha inoltre attivato altri servizi, come i Patient Support Program, per prendersi cura anche attraverso un supporto di tipo emotivo. "Sono diverse - spiega Scaccabarozzi - le parole chiave che ci consentiranno di affrontare al meglio la sfida di dare vita alla sanità del futuro. Saranno necessari digitale, competenze e collaborazione pubblico-privato", senza dimenticare l'intelligenza artificiale che potrebbe "consentire maggiore capacità di raccolta, elaborazione ed integrazione dei dati sanitari".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X