Sabato, 17 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Salute e Benessere

Home Salute e Benessere Emicrania, cambiare stili di vita aiuta a migliorare decorso

Emicrania, cambiare stili di vita aiuta a migliorare decorso

Salute e Benessere
© ANSA

(ANSA) - ROMA, 02 MAR - Cambiare gli stili di vita e i comportamenti, come tenere un regolare diario elettronico delle crisi o partecipare a sessioni di mindfulness, può aiutare a migliorare la situazione di chi soffre di emicrania. Lo ha dimostrato l'esperienza raccolta in questo anno di pandemia da Covid-19, come spiegano sulla rivista Nature Review Neurology Licia Grazzi, del Centro Cefalee dell'Istituto Neurologico Carlo Besta di Milano, e Paul Rizzoli, del Brigham and Women's Faulkner Hospita di Boston.
    "Dovremmo agire intervenendo sempre di più sugli aspetti comportamentali per massimizzare l'effetto dei trattamenti farmacologici e ottenere i migliori risultati possibili per i nostri pazienti", scrivono i due neurologi. Già precedenti studi avevano evidenziato come il corso dell'emicrania può essere modificato grazie a interventi sul comportamento, e che è importante sostenere il paziente nell'affrontare cambiamenti nelle sue abitudini, nello stile di vita, nell'approccio alla gestione del dolore e all'uso di farmaci. Due studi, condotti in Olanda e in Italia durante il lockdown, danno ora un'ulteriore conferma. Hanno mostrato infatti come cambiare alcuni elementi negli stili di vita e nel comportamento, come l'utilizzo regolare di diari elettronici per tenere traccia delle crisi e partecipare a sessioni di mindfulness anche da smartphone, incida in modo positivo nel decorso della malattia. "Al dolore, in particolare quello della cefalea, contribuiscono componenti biologiche sensoriali e affettive, interconnesse tra loro - spiega Grazzi - L'osservazione svolta in questo anno di pandemia e i risultati dei recenti studi dimostrano che la combinazione tra terapie comportamentali e farmacologiche è essenziale per curare i pazienti con emicrania". L'Istituto Besta sta lavorando per trasformare questo approccio in realtà terapeutica sia per i pazienti con cefalea che con altre forme di dolore cronico. (ANSA).
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X