Domenica, 15 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Da genoma a immunoterapia, sfide del cancro in meeting a Roma

Il genoma dei tumori e il modo in cui guida e modifica le attuali cure oncologiche, le sfide precliniche e cliniche nell'immunoterapia delle neoplasie e la resistenza farmacologica che genera progressione e metastatizzazione del cancro. Questi alcuni dei temi che verranno trattati, a partire da oggi e fino al 22 novembre a Roma, al quarto Annual Meeting di Alleanza Contro il Cancro (Acc), la Rete Oncologica Nazionale fondata dal Ministero della Salute nel 2002.

L'evento, 'New Technologies and Strategies to Fight Cancer', è organizzato in collaborazione con l'Istituto Nazionale Tumori Irccs Regina Elena e punta su nuove opportunità e sfide per la medicina oncologica di precisione. Si mira a coinvolgere ricercatori e clinici - che tramite la ricerca traslazionale hanno il compito di caratterizzare le alterazioni molecolari dei tumori a livello omico (studiando cioè nello stesso tempo vari livelli del flusso di informazione biologica)a scoprire nuovi biomarcatori e a disegnare protocolli terapeutici innovativi in un processo che parte dal letto del paziente, arriva nei laboratori e ritorna al paziente.Oltre 100 gli abstract scientifici presentati, mentre per le iscrizioni è stato superato il numero di 500. Meno di un mese fa, il ministro della Salute Roberto Speranza ha ricordato che "il Ministero ha promosso la costituzione di Alleanza contro il cancro, cui è stato affidato un Programma Nazionale di Oncologia Personalizzata". Speranza ha inoltre annunciato il finanziamento di tre progetti che partiranno il prossimo gennaio: il primo su uno screening con un nuovo test genomico a basso costo per caratterizzare i tumori e comprendere quali pazienti si siano ammalati per una predisposizione ereditaria, il secondo su una banca dati nazionale che consentirà di centralizzare le informazioni delle analisi omiche e il terzo sulla terapia genica con cellule CAR T , per le quali "ci si occuperà di sviluppare nuove terapie programmate per distruggere altri tumori non efficacemente curabili". Il programma di oncologia personalizzata ha già raggiunto risultati importanti: i 26 Irccs(oltre a ISS, Italian Sarcoma Group, AIMaC e Fondazione Cnao), possiedono competenze e attrezzature per eseguire screening genomici ed è stata creata una comunità di esperti di bioinformatica e analisi dei dati. È stato allestito un primo test genomico per il tumore del polmone, in fase di validazione clinica, che consentirà un'analisi completa e a basso costo, e istituita una Commissione per definire linee guida per la gestione dei dati genomici, rispettando la privacy e traendo beneficio dalla condivisione.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X