Lunedì, 14 Ottobre 2019

Tubercolosi, mobilitazione globale per abbassare il prezzo del farmaco

Salute e Benessere
Manifestazione a Bruxelles per chiedere alla Johnson&Johnson di il prezzo del farmaco contro la tubercolosi
© ANSA

 Mobilitazione globale e manifestazione a Bruxelles per chiedere all'azienda farmaceutica Johnson&Johnson di abbassare a 1 dollaro al giorno per paziente il prezzo della bedaquilina, uno dei principali farmaci contro la tubercolosi, malattia che uccide ogni anno 1,6 milioni di persone. L'iniziativa è di Medici Senza Frontiere (Msf) che, insieme ad attivisti, ex pazienti e società civile, oggi scende in piazza anche di fronte alle sedi della J&J negli Stati Uniti, in Belgio, Brasile, Sudafrica, Ucraina e Spagna. Solo J&J detiene il brevetto sul farmaco in molti Paesi - scrive Msf in una nota - e può decidere dove il farmaco verrà venduto. Il prezzo è di 400 dollari per un ciclo di trattamento di sei mesi nei Paesi che hanno i requisiti per acquistare il farmaco attraverso il Global Drug Facility (Gdf), meccanismo per la fornitura di farmaci e diagnostica per la tubercolosi. Ma ricercatori dall'Università di Liverpool - riferisce Medici senza frontiere - hanno calcolato che la bedaquilina può essere prodotta e venduta con profitto a molto meno, fino a 25 centesimi al giorno se fossero venduti almeno 108.000 cicli di trattamento in un anno. "Abbiamo visto così tanti pazienti diventare sordi, perdere il lavoro o addirittura la vita perché non avevano altra scelta se non assumere quegli atroci farmaci anti-Tb da iniettare", dice Ruggero Giuliani, infettivologo di MSF, "oggi la bedaquilina si sta dimostrando un punto di svolta, che offre ai una migliore opportunità di cura, senza effetti collaterali tossici. Abbiamo bisogno che questo farmaco sia accessibile a tutti quelli che ne hanno bisogno".
    "La bedaquilina mi ha salvato la vita. Avevo subito molti effetti collaterali e indesiderati durante il trattamento precedente", racconta Noludwe Mabandlela, ex paziente curata a Khayelitsha, in Sud Africa, e guarita a inizio 2019. "Quando sono passata alla bedaquilina, la mia salute è migliorata velocemente. Non auguro a nessuno di passare ciò che ho passato io". (ANSA).
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X