Domenica, 16 Giugno 2019

Cresce l'uso delle biotecnologie in ortopedia, nuova arma di cura

Salute e Benessere
Cresce l'uso delle biotecnologie in ortopedia, nuova arma di cura
© ANSA

Cresce l'uso delle biotecnologie nel trattamento dell'artrosi precoce: la terapia con farmaci biologici rallenta infatti la degenerazione articolare e ritarda la sostituzione con protesi. È quanto emerge dal 50/mo Congresso degli Ortopedici Ospedalieri d'Italia (Otodi) in corso a Sorrento: a breve, affermano gli esperti, "il 35% dei pazienti eviterà l'intervento chirurgico" ma l'invito è quello di rivolgersi solo a medici specialisti. L'uso delle biotecnologie in ortopedia, sottolinea l'Otodi, "continua a dare risultati soddisfacenti e il numero dei pazienti che ha evitato l'intervento chirurgico nel 2018 è in continua crescita". Acido ialuronico, fattori di crescita e cellule staminali, spiegano gli ortopedici, "danno risultati soddisfacenti e in pochi anni potrebbero sostituire fino al 35% delle operazioni chirurgiche. Basti pensare che sui giovani colpiti da preartrosi l'ortopedico ricorre quasi sempre alle cellule staminali".

Ad oggi, ad esempio, oltre il 40% dei soggetti (50% maschi e 50% femmine) trattati con Prp (Plasma ricco di piastrine), campi magnetici e riabilitazione ha ottenuto significativi miglioramenti. "Il processo degenerativo delle articolazioni - sottolinea Giuseppe Monteleone, presidente del Congresso - spesso inizia in maniera insidiosa con fastidiosi doloretti saltuari o sotto stress. Fino a pochi anni fa si tendeva a sottovalutare la patologia inducendo i pazienti a terapie saltuarie sintomatologiche e a cambiare le proprie abitudini di vita adattandole alla patologia e riducendo la richiesta funzionale dell'articolazione 'consumata', in attesa della sostituzione dell'articolazione con una protesi meccanica". Oggi non è più così proprio grazie alle biotecnologie e l'ultima frontiera del trattamento rigenerativo, sottolinea Monteleone, "è il trattamento con cellule staminali o cellule mesenchimali attivate. Le tecniche moderne di prelievo dal sangue periferico o dal tessuto adiposo hanno minimizzato l'invasività rendendo applicabile questa tecnica a un numero elevato di persone in ambito di day surgery o addirittura ambulatoriale". Oggi, conclude, "il trattamento con farmaci biologici è in grado di rallentare la degenerazione articolare e pertanto ritardare la sostituzione protesica".
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X