Martedì, 30 Novembre 2021
stampa
Dimensione testo

Salute e Benessere

Home Salute e Benessere In arrivo un nuovo robot in aiuto ai malati di Alzheimer

In arrivo un nuovo robot in aiuto ai malati di Alzheimer

Salute e Benessere
In arrivo un nuovo robot in aiuto per malati di Alzheimer, 3 in sperimentazione
© ANSA

Si chiama Mario ed è il nuovo 'amico' dei malati di Alzheimer. Tecnicamente parlando si tratta di un Managing active and healthy aging with use of caring service robot, ossia un sistema di gestione dell'invecchiamento attivo e in salute mediante l'uso di un assistente robot. Di facile uso, si attiva con la voce e può interagire in due modi: a comando vocale o attraverso un tablet con touch screen posto sul petto. Telefona, apre le porte, ricorda gli orari dei pasti e delle pillole. Mario è appunto un automa dall'aria simpatica occhi grandi, forme umanoidi, concezione innovativa. L'ospedale voluto da Padre Pio a San Giovanni Rotondo ne sta sperimentando tre esemplari sui pazienti con demenza nell'Unità di geriatria.
    E' il prodotto di un progetto europeo da 4 milioni di euro, che coinvolge una decina di università, centri di ricerca, imprese e strutture sanitarie di sei diversi paesi: per l'Italia il Cnr e appunto la pugliese Casa sollievo della sofferenza. Il geriatra Antonio Greco, direttore della struttura, ne presenterà domani i primi risultati a Pistoia al Convegno nazionale sui Centri Diurni Alzheimer, 8° appuntamento della serie organizzata per la parte scientifica dall'Università di Firenze con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia. Nell'occasione Greco parlerà anche dei test condotti con il sistema ViTA, un inedito software progettato da IBM per il programma Impact Grants. Entrambi, Mario e ViTA, sono pensati per prendersi cura in diversi modi degli anziani malati.
    Prima di Mario altri robot sono stati dedicati all'Alzheimer, ma questo nuovo prototipo, facendo tesoro delle precedenti esperienze e sfruttando le più recenti tecnologie, offre prestazioni particolarmente elevate. Non dà assistenza fisica, ma aiuta e aiuterà sempre di più i malati a ricordare e a sentirsi meno soli. 
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X