Martedì, 07 Dicembre 2021
stampa
Dimensione testo

Motori

Home Motori Ferrari SF90 Spider: la cabrio ibrida plug-in da 1000 CV

Ferrari SF90 Spider: la cabrio ibrida plug-in da 1000 CV

Motori
© ANSA

Guidare una Ferrari spider da 1000 cavalli, la più potente vettura di sempre a cielo aperto della Casa di Maranello, e allo stesso tempo avere una auto completamente elettrica capace di percorrere circa 25 km in modalità elettrica. E' la SF90 Spider, la versione cabrio della SF90 Stradale, che è stata protagonista di un media drive lungo le strade delle colline modenesi. La SF90 Spider è una vettura ibrida plug in, in produzione di serie, spinta dal motore endotermico V8 biturbo di 3990 cm3, il propulsore pluripremiato con l'International Engine & Powertrain of the Year, che eroga ben 780 cavalli affiancato da 3 motori elettrici, uno al posteriore collocato tra il motore termico e il cambio e gli altri due sull'assale anteriore che assicurano altri 220 cavalli.
    Nonostante i 1000 cavalli che possono incutere timore, gli ingegneri di Maranello hanno fatto sì che la grande ricercatezza di questo impianto non comporti complicazioni per il conducente poichè un sofisticato sistema di controllo supervisiona in autonomia la gestione dei flussi di energia in base alle condizioni di utilizzo. E lo abbiamo potuto verificare di persona durante il test drive, condizionato da una giornata tipicamente autunnale, lungo le strade collinari che circondano Maranello.
  

  Con la SF90 Spider si è creato sin da subito un feeling che ci ha trasmesso sicurezza e piacere di guida. Saliti in auto al conducente non resta che impostare una delle modalità di utilizzo della power unit: eDrive, Hybrid, Performance, Qualify selezionabili tramite il nuovo eManettino a sfioramento, che si trova sulla sinistra del volante, da abbinare alla classica gestione dei controlli di guida (il Manettino posto sulla destra del volante). In particolare nella modalità eDrive il motore termico è spento e la trazione è affidata all'assale anteriore elettrico ed è possibile percorrere fino a 25 km con batteria arrivando ad una velocità limitata a 135km/h. In modalità Hybrid, quella che abbiamo selezionato durante il nostro test drive, deciderà la logica di controllo se accendere o spengere di volta in volta il motore termico. Ed è stato davvero curioso, quando si attraversavano i centri abitati, vedere lo stupore della gente al passaggio della Ferrari in modalità completamente silenziosa, passava quasi inosservata se non fosse stato per la bella linea da navicella spaziale disegnata dal Centro Stile Ferrari diretto da Flavio Manzoni. Ma, usciti dai centri abitati, bastava aumentare un po' la velocità per ascoltare il rombo della Rossa famoso in tutto il mondo. Quando, invece, si passa in modalità Performance il motore termico viene mantenuto sempre acceso e viene privilegiato il mantenimento della carica della batteria rispetto all'efficienza in modo da garantire piena disponibilità di potenza. Questa funzione può risultare particolarmente comoda quando si ha necessità di ricaricare la batteria senza dover ricorrere alla colonnina. Infine la modalità Qualify permette di raggiungere i 1000 cv di potenza massima del sistema in quanto anche ai motori elettrici viene consentito di lavorare alla loro massima potenza.

    Come la SF90 Stradale anche la SF90 Spider è dotata di trazione integrale on demand, una prima assoluta per le sportive della Casa di Maranello che consente alla vettura di trasformarsi nel nuovo riferimento per la partenza da fermo: 0-100km/h in 2,5 secondi e 0-200km/h in 7 secondi. Di tutto rilievo anche la velocità massima di 340 km/h. Prestazioni da supercar grazie anche al nuovo assale anteriore con i due motori elettrici indipendenti che permette di dare in ogni istante il giusto livello di coppia e di potenza per ogni singola ruota e quindi consente all'auto di avere un inserimento, una percorrenza e uscita di curva che non hanno paragoni con le altre vetture Ferrari trasmettendo al conducente un senso di grande sicurezza. Con una vettura che è un concentrato di tecnologia, lo sforzo degli ingegneri si è focalizzato anche sul cockpit. Il volante è dotato di comandi touch, che permettono di controllare ogni aspetto della vettura con i due pollici, mentre il navigatore è frontale. Inoltre vi è l'head up display che raccoglie le principali informazioni utili nella guida. Il tutto per seguire la filosofia tanto cara a Maranello 'occhi alla strada, mani sul volante', per mantenere il massimo controllo della vettura senza distrazioni.

    La SF90 Spider è dotata di un tetto rigido ripiegabile RHT (Retractable hard top) a scomparsa che, come sulla F8 Spider, si apre e chiude in soli 14 secondi. Riprogettato completamente il cambio a doppia frizione, ora ad 8 marce, che è del 30% più veloce e anche 10 kg più leggero di quello precedente a 7 marce in quanto la retromarcia è attiva solo in elettrico. Il tutto senza dimenticare i consumi, diminuiti in utilizzo urbano e autostradale dell'8% nel ciclo WLTP.
    Al pari della SF90 Stradale, anche sulla SF90 Spider viene proposto un allestimento speciale disponibile su richiesta per rendere ancora più performante e sportiva la vettura: è l'Assetto Fiorano che prevede, fra l'altro, ammortizzatori derivati dall'esperienza del Cavallino Rampante nelle competizioni Gt, largo impiego di materiali speciali come titanio e carbonio che alleggeriscono l'auto di 21 kg, spoiler posteriore in fibra di carbonio e pneumatici Michelin Pilot Sport Cup2. 
   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X