Mercoledì, 27 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Motori

Home Motori Elezioni Germania,come potrebbe cambiare scenario automotive

Elezioni Germania,come potrebbe cambiare scenario automotive

Motori
Elezioni Germania,come potrebbe cambiare scenario automotive
© ANSA

Ci sono sostanziali differenze sulle strade che la Germania dell'automotive imboccherà quando, alla luce dei risultati elettorali di ieri, si formerà un nuovo Governo. E, soprattutto, quando i componenti dell'alleanza (a due o tre) alla guida del Bundestag metteranno nero su bianco nel programma per il prossimo mandato, com'è abitudine, anche gli argomenti ambiente, industria e automobile.
    Le coalizioni 'Semaforo' o 'Giamaica' - così chiamate per la combinazione dei colori dei partiti - potrebbero influire non solo sul futuro della Germania che viaggia in automobile e che lavora per l'automobile, ma anche influenzare le scelte di Bruxelles e, quindi, spostare con effetto domino le scadenze (come il divieto di vendere modelli benzina e diesel) che preoccupano non poche aziende e soprattutto le fasce più deboli dell'utenza.
    A poche ore dal voto l'autorevole magazine Automobilwoche traccia una attenta analisi delle opzioni in gioco, concentrandosi essenzialmente su una ipotesi 'Semaforo' guidata da Olaf Scholz (SPD) con Verdi e FDP e una 'Giamaica' guidata da Armin Laschet (CDU) anche in questo caso alleata con Verdi e FDP.
    Se la guida della Germania dovesse passare alla coalizione 'Semaforo' composta da SPD, Verdi e FDP la situazione potrebbe essere davvero contraddittoria: dai Verdi arriva infatti la richiesta del divieto di vendita dei modelli con motori a combustione dal 2030, ma il Partito Liberale Democratico (FDP) respinge questa ipotesi e si basa invece sull'apertura tecnologica e sui combustibili sintetici, gli e-fuel, da utilizzare anche nei motori termici.
    L'ago della bilancia - vista anche la forza della SPD - potrebbe dunque essere nelle mani del partito vincitore che, nel manifesto elettorale, non si è impegnato a vietare i motori a combustione. Inoltre i divieti concreti operativi già nel 2030 non potrebbero essere attuati con i socialdemocratici, poiché i grandi sindacati lo rifiutano chiaramente.
    Se dunque al Bundestag s'insediasse il 'Semaforo' il destino del motore a combustione (e quindi anche la velocità del passaggio all'elettrico) potrebbe resterà nelle mani del mercato, con grande soddisfazione di alcuni importanti brand tedeschi che avevano ribadito anche al recente IAA Mobility di Monaco la centralità del cliente. Del resto il programma elettorale SPD era stato formulato in modo difensivo: "l'industria automobilistica tedesca deve rimanere l'industria leader".
    Tra i cambiamenti che potrebbero arrivare con un nuovo Governo SPD+Verdi+FDP c'è invece l'introduzione del limite di velocità di 130 km/h sulle autostrade, anche se i liberali (a differenza di SPD e Verdi) sono contrari. Salterà invece la richiesta del limite dei 30 km/h richiesti dai Verdi nel nei centri abitati a cui si oppongono invece SPD e FDP.
    Tutti gli alleati del 'Semaforo' sono ampiamente d'accordo sull'ampliamento dell'infrastruttura di ricarica per le auto elettriche, ma i finanziamenti dovranno riguardare anche una gamma più ampia di nuovi concetti di mobilità come il car sharing e una maggiore ricerca anche nel campo dell'idrogeno, in particolare nel trasporto merci.
    Se dovesse passare invece una coalizione 'Giamaica' con CDU, Verdi e FDP sarebbe ancora più probabile il congelamento di un divieto generale sulla immatricolazione dei veicoli con motori a combustione, poiché i Verdi (favorevoli) non sarebbero in grado di far valere questa richiesta contro le posizioni della CDU e FDP, entrambi contrari.
    Nel suo programma la CDU aveva inserito la promozione della mobilità elettrica, ma restando su un piano di parità con i combustibili sintetici e la propulsione a idrogeno.
    Una posizione ribadita nel Berlin Round domenica sera su ARD e ZDF (con i candidati al Bundestag) anche dal leader della CSU Markus Söder il primo ministro bavarese che con i sui 45 potrebbe influenzare le eventuali altre alleanze. Alla domanda sulla richiesta dei Verdi ha dichiarato: "Non credo che il 2030 sia fattibile, ci sono troppe difficoltà, ma la fine dei motore alimentati con combustibili fossili potrebbe essere concepibile per il 2035". Söder ha anche detto: "Tuttavia, possiamo fare ancora progressi significativi con la tecnologia. Ma abbiamo bisogno di importanti supporti sull'idrogeno e, soprattutto, sui combustibili sintetici. Per questo - ha concluso il potente primo ministro bavarese - è cruciale che non si parli solo di divieti, ma anche di necessità, di offerte, d'incentivi e di modifiche". 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X