Venerdì, 29 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Motori

Home Motori Bmw Motorrad, al cinema per 'Se ti abbraccio non aver paura'

Bmw Motorrad, al cinema per 'Se ti abbraccio non aver paura'

Al cinema con BMW Motorrad, partner del film documentario 'Se ti abbraccio non aver paura'. BMW Motorrad Italia è infatti stata partner nella realizzazione del film documentario diretto da Niccolò Maria Pagani e ispirato alla storia vera di Franco Antonello e del figlio autistico Andrea, alle prese con il loro viaggio su due ruote. Il lungometraggio verrà presentato e reso disponibile sul canale YouTube di Ushuaia Film in occasione della Giornata Mondiale della Consapevolezza dell'Autismo (World Autism Awareness Day), istituita nel 2007 dall'Assemblea Generale dell'ONU, il prossimo 2 aprile a partire dalla prima serata fino alla mezzanotte del giorno seguente. Il film sarebbe dovuto uscire nelle sale cinematografiche in questa data ma la situazione di emergenza sanitaria attuale ha reso impossibile l'organizzazione tradizionale dell'evento, e per questo sia Ushuaia Film, sia Franco Antonello sia BMW Italia hanno scelto di fare un regalo a chi in questi giorni è a casa. Il legame tra Franco Antonello e BMW Motorrad Italia è andato oltre la passione comune per i viaggi in moto, raccontando l'avventura che Franco insieme al figlio Andrea hanno fatto in sella a una BMW lo scorso anno sulle orme di Marrakech Express. L'iniziativa si inserisce nel programma di Corporate Social Responsibility di BMW Italia denominato SpecialMente (www.specialmente.bmw.it) cresciuto nel corso degli anni fino a raggiungere alla fine del 2019 un milione di persone attraverso attività sul territorio e digitali. "BMW Motorrad - ha dichiarato Salvatore Nanni, Direttore di BMW Motorrad Italia - è sempre molto attiva nel programma SpecialMente con tanti progetti, perché la responsabilità sociale è un valore che deve ispirarci nel lavoro di tutti i giorni. Le iniziative a cui ci dedichiamo si sviluppano nell'ambito della sicurezza stradale, della sostenibilità, della cultura e dell'inclusione sociale, dove ad esempio collaboriamo con entusiasmo con Emiliano Malagoli e la sua associazione Diversamente Disabili. Il film racconta la storia di due persone molto speciali che abbiamo già avuto la fortuna di conoscere e frequentare in questi anni e con le loro avventure ci hanno insegnato molto in termini di inclusione e voglia di affrontare le sfide della vita, andando oltre i limiti e le difficoltà senza mai arrendersi".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X