Mercoledì, 21 Agosto 2019

Volkswagen T-Roc Cabriolet crossover per viaggi en plein air

Motori
Volkswagen T-Roc Cabriolet crossover per viaggi en plein air
© ANSA

T-Roc, il popolare crossover della Volkswagen, si 'toglie' il cappello in occasione dell'imminente Salone di Francoforte, dove farà la sua apparizione come 'concept vicina alla produzione di serie' (così si legge nella nota dell'azienda tedesca) in variante Cabriolet. L'idea, più che apprezzabile, è quella di dare una opportunità in più - quella di godere del viaggio open air - a chi ha scelto un crossover, tipologia di auto di grande successo proprio per la sua versatilità e il senso di libertà che si prova guidando 'più alti' e potendo affrontare anche percorsi non asfaltati. Questa inedita variante open-top di T-Roc dispone di una capote in tessuto a movimento elettrico, che si apre in soli 9 secondi agendo su un pulsante collocato tra i sedili. Può essere azionata anche in chiusura mentre l'auto è in movimento viaggiando a velocità fino a 30 km/h e dispone di sbloccaggio e bloccaggio elettromeccanico.

Previsto per essere commercializzato nella primavera del 2020 T-Roc Cabriolet è il primo crossover cabriolet di classe compatta e offre una elevata sicurezza grazie alla protezione antiribaltamento, estesa dietro i sedili posteriori. Il sistema scatta verso l'alto nell'area dei poggiatesta posteriori in una frazione di secondo, in risposta al superamento di una determinata accelerazione laterale o di inclinazione del veicolo. Inoltre, T-Roc Cabriolet è progettato con un telaio del parabrezza rinforzato e altre modifiche strutturali al fine di garantire la massima resistenza in caso d'urto o ribaltamento.

Grazie al sistema Infotainment di nuova generazione MIB3 - che sarà disponibile come opzional - T-Roc Cabriolet è permanentemente online, e offre servizi e funzioni completamente nuovi. E' presente un'unità di connettività online con eSIM integrata, in modo da essere permanentemente online non appena il conducente registra l'impianto nel sistema Volkswagen. Le informazioni vengono visualizzate sul display di bordo che, in combinazione con l'Active Info Display opzionale, raggiunge gli 11,7 pollici. In questo caso è possibile creare a bordo di T-Roc Cabriolet un cruscotto completamente digitale, cioè il Digital Cockpit.

La nuova variante 'scoperta' del crossover Volkswagen verrà commercializzata nelle due linee di finitura ed equipaggiamento Style e R-Line, la prima che punta ad esaltare design e individualità, la seconda decisamente orientata verso lo sport.

In questo caso cambiano anche alcuni aspetti funzionali come le luci supplementari fendinebbia standard, il cambio con rapporti sportivi ottimizzati e lo sterzo progressivo con assistenza dipendente dalla velocità.

T-Roc Cabriolet verrà proposto, nella sola variante a trazione anteriore, con due efficienti motori turbo benzina: il 3 cilindri 1.0 da 115 Cv e il 4 cilindri 1.5 da 150 Cv. Il primo è accoppiato ad un cambio manuale a sei marce mentre per la versione da 150 Cv è prevista, come optional, anche una trasmissione a doppia frizione a sette rapporti.

Scorrendo la storia di Volkswagen e dei suoi modelli compatti, si scopre che quasi 30 anni fa T-Roc Cabriolet aveva avuto una progenitrice, seppur realizzata fuori dalla gamma ufficiale della Casa di Wolfsburg. Si tratta della Biagini Passo, una cabriolet off-road costruita fra il 1990 e il 1993 dalla ACM (Ali Ci Emme di Piazzano di Atessa) su base della Golf Country. Quest'ultima, nei listini di Volkswagen tra il 1990 e il 1991 era una sorta di crossover dell'epoca derivato dalla Serie II popolare berlina di segmento C in variante Syncro (4 ruote motrici) e con assetto rialzato per affrontare un moderato fuoristrada. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X