Mercoledì, 11 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo

Fase 2 WLTP, video di Volkswagen spiega novità dei test

Motori
Fase 2 WLTP, video di Volkswagen spiega novit dei test
© ANSA

Il nome è davvero complicato - Euro 6d TEMP EVAP ISC - ma la finalità più che lodevole: questo standard per l'omologazione delle emissioni, obbligatorio dal primo settembre 2019, punta infatti a rafforzare la procedura WLTP (Worldwide Harmonised Light Vehicles Test Procedure) introdotta lo scorso anno per rendere più credibili e vicini alla realtà del normale impiego le emissioni allo scarico delle auto con motore termico. Fra le novità introdotte anche una procedura di test 'estesa' che prevede il controllo fino a percorrenze di 100.000 chilometri. Per rendere facilmente comprensibile ai clienti queste novità - e ribadire anche lo sforzo in cui sono impegnate le Case automobilistiche - Volkswagen ha prodotto un video (https://youtu.be/lZXdQYSF1Gk) in cui spiega i dettagli. Ne è un esempio il controllo delle emissioni evaporative identificate con la sigla EVAP. Un filtro a carboni attivi nel sistema del serbatoio impedisce già oggi nei modelli Volkswagen che i vapori di benzina vengano rilasciati nell'ambiente. In passato, questa caratteristica veniva testata in una camera stagna per 24 ore, ma con le nuove norme il periodo sarà di 48 ore. La Casa di Wolfsburg ha previsto un kit di retrofit per soddisfare questi requisiti aggiuntivi. Altro importante cambiamento con il secondo livello WLTP è la misurazione del rispetto dei limiti di emissione durante il funzionamento del veicolo. In futuro, le auto fino a cinque anni di anzianità saranno sottoposte a un test WLTP casuale. Questo monitoraggio sul campo (ISC = InServiceConformity) verrà effettuato su veicoli selezionati con percorrenze fino a 100.000 chilometri. A questo scopo Volkswagen utilizza anche un laboratorio mobile di misurazione dei gas di scarico per agevolare i clienti. Volkswagen ricorda la prima fase del WLTP è entrata in vigore per tutti i veicoli nuovi il primo settembre del 2018. E il fatto che la fase successiva segua solo un anno dopo (e ci saranno altre modifiche successive) è dovuto all'elevata complessità della procedura ed va a garantire anche legalmente la correttezza delle misurazioni.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X