Mercoledì, 26 Giugno 2019

Da Bosch soluzioni hi-tech che avvicinano era auto volanti

Motori
© ANSA

Con la realizzazione di una scatola sensori leggera, compatta e dai costi di produzione contenuti Bosch fornisce un importante contributo allo sviluppo della tecnologia destinata a rendere possibile l'avvento delle auto volanti. La multinazionale tedesca è tra le aziende del mondo automotive impegnate nello studio di soluzioni hi-tech che in futuro potrebbero aiutare a far ''decollare'' le macchine. La sua innovativa centralina universale, progettata per funzionare con i sensori che già equipaggiano molti veicoli stradali attuali, utilizza le informazioni provenienti dai dispositivi che misurano accelerazione, imbardata, angolo di incidenza, campi magnetici, pressione barometrica, per determinare la posizione del veicolo mentre è in volo, consentendo di controllarlo con precisione e sicurezza. Il tutto, con una riduzione sensibile della spesa, dei pesi e degli ingombri rispetto all'utilizzo di componentistica aerospaziale, a tutto vantaggio dei costruttori di aerotaxi.

Secondo una recente ricerca della Boston Consulting Group, entro il 2030 potrebbero essere un miliardo i voli in aerotaxi compiuti da persone di tutto il mondo, ''quando i servizi di sharing saranno presenti anche sulle rotte aeree. Inoltre, la maggior parte di quei mezzi saranno in grado di funzionare senza pilota''. I primi voli di prova sono attesi già nel 2020, nelle città di Dubai, Los Angeles, Dallas e Singapore. I consulenti di Morgan Stanley stimano che il mercato degli aerotaxi potrebbe anche raggiungere 1,35 miliardi di euro entro il 2040.

''I primi aerotaxi decolleranno nelle grandi metropoli entro il 2023. Bosch vuole essere tra i leader di settore che daranno forma a questo mercato futuro'', dichiara in proposito Harald Kroeger, presidente della divisione Automotive Electronics dell'azienda tedesca. ''Tramite la nostra soluzione - precisa Marcus Parentis, responsabile per l'azienda del team che si occupa delle centraline elettroniche per i velivoli leggeri -, vogliamo rendere accessibile l'aviazione civile con aerotaxi per un'ampia gamma di fornitori''. E' studiata per applicazioni ''con il principio del plug-and-play - precisa -. Stiamo parlando di produttori di aerotaxi dei settori aerospaziale e automotive ma anche di start-up che costruiscono velivoli e sono desiderose di fornire servizi di sharing''.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X